Il mondo odia i discepoli di Gesù


di don Ruggero Gorletti

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO DI MERCOLEDÌ 1° GIUGNO 2022

Dal vangelo secondo san Giovanni (17,11b-19)

In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo]: «Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una sola cosa, come noi.
Quand’ero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si compisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.
Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Consacrali nella verità. La tua parola è verità. Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; per loro io consacro me stesso, perché siano anch’essi consacrati nella verità». 

COMMENTO

«Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo». Il mondo odia i discepoli di Gesù. È stato così sin dai primi tempi della Chiesa ed è così oggi. Cercare di vivere obbedendo alla parola che ci è stata data non suscita simpatie. Anzi: il cristiano deve vigilare se il mondo lo guarda con troppa simpatia. Il suo scopo non deve essere quello di essere gradito al mondo, ma di testimoniare la parola di Dio. Questo non significa che dobbiamo cercare di renderci inutilmente antipatici. Significa solo che quando siamo costretti a scegliere tra il gradimento del mondo e l’obbedienza alla parola di Dio, non dobbiamo avere esitazioni. Infatti non è l’apprezzamento del mondo che può darci la pace e la gioia in questa vita e la beatitudine eterna nella prossima. Sarà soltanto Dio.

 

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments