Il 98% dei contagiati con il vaiolo delle scimmie sono uomini gay o bisessuali


di Angelica La Rosa

UN GRUPPO DI SCIENZIATI HA ANALIZZATO 528 INFEZIONI DIAGNOSTICATE TRA IL 27 APRILE 2022 E IL 24 GIUGNO 2022, IN 43 SITI DI 16 PAESI. COMPLESSIVAMENTE, IL 98% DELLE PERSONE CON INFEZIONE DA VAIOLO DELLE SCIMMIE ERANO UOMINI GAY O BISESSUALI, IL 75% DEI QUALI BIANCHI. IL 41% AVEVA UN’INFEZIONE DA VIRUS HIV IN CORSO

“Il 98% delle persone con infezione da virus del vaiolo delle scimmie sono uomini gay o bisessuali”.

A dirlo sono gli scienziati John P. Thornhill, Sapha Barkati, Sharon Walmsley, Juergen Rockstroh, Andrea Antinori, Luke B. Harrison, Romain Palich, Achyuta Nori, Iain Reeves, Maximillian S. Habibi, Vanessa Apea, Christoph Boesecke, Linos Vandekerckhove, Michal Yakubovsky, Elena Sendagorta, Jose L. Blanco, Eric Florence, Davide Moschese, Fernando M. Maltez, Abraham Goorhuis, Valerie Pourcher, Pascal Migaud, Sebastian Noè, Claire Pintado, Fabrizio Maggi, Ann-Brit E. Hansen, Christian Hoffmann, Jezer I. Lezama, Cristina Mussini, AnnaMaria Cattelan, Keletso Makofane, Darrell Tan, Silvia Nozza, Johannes Nemeth, Marina B. Klein e Chloe M. Orkin che hanno condotto una ricerca internazionale per il Gruppo Clinico SHARE-net.

Gli studiosi hanno analizzato 528 infezioni diagnosticate tra il 27 aprile 2022 e il 24 giugno 2022, in 43 siti in 16 paesi. Complessivamente, il 98% delle persone con infezione erano uomini gay o bisessuali, il 75% erano bianchi e il 41% aveva un’infezione da virus HIV; l’età media era di 38 anni.

Come riporta il “The New England Journal of Medicine“, una delle riviste scientifiche più importanti al mondo, si sospetta che la trasmissione del virus del vaiolo delle scimmie, in inglese chiamato “Monkeypox Virus Infection”, sia avvenuta attraverso l’attività sessuale nel 95% delle persone con infezione. Nella serie di casi analizzati, il 95% delle persone presentava un’eruzione cutanea (con il 64% che aveva meno di 10 lesioni), il 73% aveva lesioni anogenitali e il 41% aveva lesioni della mucosa (con 54 con una singola lesione genitale).

Secondo gli studiosi, le caratteristiche sistemiche comuni precedenti l’eruzione cutanea includevano febbre (62%), letargia (41%), mialgia (31%) e mal di testa (27%); Anche la linfoadenopatia era comune (riportata nel 56%). Infezioni sessualmente trasmissibili concomitanti sono state segnalate in 109 delle 377 persone (29%) che sono state testate. Tra le 23 persone con una chiara storia di esposizione, il periodo di incubazione mediano è stato di 7 giorni (range, da 3 a 20).

“Prima dell’aprile 2022, l’infezione da virus del vaiolo delle scimmie negli esseri umani era raramente segnalata al di fuori delle regioni africane dove è endemica. Attualmente, i casi si stanno verificando in tutto il mondo. La trasmissione, i fattori di rischio, la presentazione clinica e gli esiti dell’infezione sono scarsamente definiti”, hanno scritto i ricercatori.

Gli studiosi, che con il loro studio scientifico hanno contribuito alla conoscenza di una serie di casi internazionali per descrivere l’insorgenza del virus, il decorso clinico e gli esiti delle infezioni da virus del vaiolo delle scimmie confermate dalla reazione a catena della polimerasi, hanno visto che il DNA del virus “Monkeypox” è stato rilevato in 29 delle 32 persone in cui è stato analizzato il liquido seminale.

“Il trattamento antivirale è stato somministrato in totale al 5% delle persone e 70 (13%) sono state ricoverate in ospedale; le ragioni del ricovero sono state la gestione del dolore, principalmente per il dolore anorettale grave (21 persone); superinfezione dei tessuti molli (18); faringite che limita l’assunzione orale (5); lesioni oculari (2); danno renale acuto (2); miocardite (2) e per la finalità di controllo delle infezioni (13). Non sono stati segnalati decessi”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments