L’esorcista Criste mette in guardia dalle “micro-interazioni”

A cura di Angelica La Rosa

L’ESORCISTA PADRE CRISTE: «LA NOSTRA COLLABORAZIONE CON IL DEMONIACO NON È ALTRO CHE SOCCOMBERE ALLA TENTAZIONE E PECCARE»

In un intervento, molto interessante, durante il programma “The Catholic Gentleman”, il prete ed esorcista americano Ambrose Criste afferma che il diavolo non sta dietro l’angolo per ingannarci, ma che la battaglia spirituale per la maggior parte dei cristiani avviene in “micro-interazioni”.

Le microinterazioni sono piccoli momenti che possono sembrare insignificanti, ma che hanno un impatto considerevole sulla vita spirituale di una persona. Queste microinterazioni potrebbero includere decisioni apparentemente minori, pensieri fugaci, brevi risposte agli altri e il modo in cui si gestiscono le tentazioni quotidiane.

Il concetto sottolinea l’idea che la lotta spirituale e morale viene vissuta nei più piccoli dettagli della vita quotidiana, non solo nei grandi eventi o nelle decisioni.

Il sacerdote incoraggia tutti a guardarsi intorno nella propria vita e a riconoscere “dove è più probabile che trascurino la propria vigilanza in senso spirituale”.

Mette in guardia, in generale, sull’eccessiva curiosità dei cristiani riguardo a fenomeni di maleficio, possessione o evidenti influenze demoniache. “Cristo ha trionfato”, sottolinea. “Se viviamo una vita con i sacramenti e cerchiamo di vivere in stato di grazia, allora siamo già nella squadra vincente”, ha detto. Una vita cattolica autentica offre protezione contro le forze del male. “Non è che un demone stia aspettando dietro un angolo per possederti, e che tu possa inciampare in esso senza rendertene conto. Non funziona così. La nostra cooperazione con il demoniaco non è in realtà altro che soccombere alla tentazione e peccare. Ecco come accade”.

La cosa è molto più grave in caso di vera possessione. “Quando le persone sono in un terribile stato di ossessione o possessione demoniaca, di solito è perché hanno collaborato con questo mondo, perché si sono abbandonate completamente al mondo della tentazione e del peccato per molto tempo, così che sono molto basse in questo vicolo oscuro del demoniaco”, descrive Padre Criste.

Nella vita quotidiana dei credenti cristiani praticanti, l’influenza del male è vista in modo più sottile. “Siamo tutti coinvolti in questa lotta, che ha luogo nelle nostre ‘microinterazioni’ che abbiamo giorno dopo giorno, ed è qui che si svolge la battaglia”, afferma Criste. “Si cade in una routine. Forse è lì che, entrando in una sorta di pilota automatico senz’anima, è più probabile che cadiamo in tentazione”.

L’esorcista statunitense  raccomanda a tutti di esaminare attentamente la propria vita e il proprio comportamento e di chiedersi: “Dove è più probabile che tu venga trascurato in senso spirituale? È nel rapporto con tua moglie, dove metti una specie di pilota automatico nel modo in cui ti rapporti con lei, in modo da non intralciarla, cioè non ascoltarvi veramente, non guardarvi l’un l’altro negli occhi e non prendendosi cura dei bisogni emotivi, materiali e finanziari dell’altro? Quindi scivoli in una routine sciatta”.

Padre Criste avverte che “ovunque impostiamo una sorta di pilota automatico sconsiderato, lì probabilmente saremo sorpresi più facilmente dalla tentazione”.

Un buon esempio è Internet. “Se usiamo Internet solo per intrattenimento insensato, due settimane dopo ci ritroveremo dipendenti da uno spettacolo televisivo che non avremmo mai guardato se ci avessimo pensato davvero. Oppure ti ritrovi nella tana del coniglio di YouTube, quattro ore dopo, alle due del mattino…”.

Non è successo nulla se non “hai trascurato la tua vigilanza e ti sei messo sul pilota automatico, il che significa che non siamo attenti”. Pertanto non è sufficiente dire “il male si trova in determinati luoghi, io li evito e poi non mi può succedere nulla di male. Ciascuno, piuttosto, deve chiedersi: Quanto sono impegnato nella vita di preghiera, nella preghiera regolare?”.

Ciò si traduce in definitiva in un’attenzione che ci allontana dalla tentazione di una “mentalità mondana”, conclude Ambrose Criste.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments