Aumentati i casi di pena capitale

A cura di Angelica La Rosa

AUMENTANO LE ESECUZIONI NEL MONDO

Nel 2023 le esecuzioni sono salite al numero più alto in un periodo considerato di quasi un decennio.

Questo è dovuto al forte aumento delle esecuzioni in Iran e alla ripresa delle esecuzioni negli Stati Uniti e nell’Africa subsahariana.

Secondo Amnesty International 1.153 esecuzioni hanno avuto luogo a livello globale nel 2023, escludendo migliaia di esecuzioni che si ritiene siano state effettuate in Cina. Si tratta di un aumento del 30% rispetto al 2022 e del dato più alto dal 2015.

“L’enorme picco nelle esecuzioni registrate è stato dovuto principalmente all’Iran”, ha detto Agnes Callamard, segretario generale di Amnesty International. L’Iran ha giustiziato almeno 853 persone nel 2023, un aumento del 48% e la maggior parte di queste esecuzioni sono state applicate in modo sproporzionato alle minoranze e per reati di droga.

Anche gli Stati Uniti hanno registrato un aumento delle esecuzioni, con 24 effettuate nel 2023 rispetto alle 18 del 2022. Amnesty ha criticato diversi stati statunitensi per aver perseguito metodi come l’ipossia da azoto e ha invitato il presidente Biden a mantenere la sua promessa di abolire la pena federale di morte.

Nonostante l’aumento, vi sono stati segni di progressi. Il numero di paesi che effettuano esecuzioni ha raggiunto il minimo record di 16, con la Bielorussia, il Giappone, il Myanmar e il Sudan meridionale che hanno interrotto le esecuzioni dopo averle fatte nel 2022.

Il rapporto afferma che 112 stati hanno completamente abolito la pena di morte. Decine di altri paesi hanno abbandonato la pratica anche se è ancora consentitola dalla legge.

“La discriminazione intrinseca e l’arbitrarietà che segnano l’uso della pena di morte devono essere abolite una volta per tutte”, ha detto Callamard. Amnesty ha esortato tutti i governi a sostenere l’appello delle Nazioni Unite per porre fine alla pena di morte all’Assemblea generale di quest’anno.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments