In Maryland proibita la distribuzione della Comunione nelle chiese riaperte


Una contea del Maryland ha proibito di dare la comunione anche se le chiese sono state riaperte.

Secondo quest’ordine esecutivo che delinea le regole di salute pubblica, emesso martedì dalla contea di Howard nel Maryland, le chiese possono riaprire ma l’ordine proibisce la distribuzione e il consumo di qualsiasi cibo o bevanda durante i servizi religiosi, vietando di fatto il consumo e quindi la distribuzione della comunione.

L’Ordine esecutivo n. 2020-09 della Contea di Howard è stato emesso dal presidente della contea Calvin Ball che ha detto: “non vi sarà alcun consumo di cibi o bevande di alcun tipo prima, durante o dopo i servizi religiosi, compresi i cibi o le bevande che vengono normalmente consumati come parte di un servizio religioso”.

Il consumo delle specie consacrate a messa, almeno quello del celebrante, è parte integrante del rito eucaristico. Le norme che vietano persino al sacerdote celebrante di ricevere l’Eucaristia sostanzialmente non renderebbero legittima la celebrazione della Messa da parte di qualsiasi sacerdote.

L’ufficio per gli affari pubblici della contea di Howard deve ancora rispondere alla domande sul come conciliare tale norma con il primo emendamento della Costituzione americana che garantisce la libertà religiosa e quella di culto negli Stati Uniti.

L’ordine esecutivo limita anche la presenza negli spazi di culto al coperto a 10 persone e all’aperto a 250 persone, socialmente distanziati, dotati di mascherine, con la proibizione di raccogliere donazioni durante il culto e il divieto del segno della pace o di qualsiasi altro contatto fisico tra i fedeli.

L’ordine afferma inoltre che “cantare è permesso ma non raccomandato”.

Un portavoce dell’arcidiocesi di Baltimora , sul cui territorio si trova la contea di Howard, ha espresso profonda preoccupazione per il decreto. “Per la comunità cattolica, l’accoglienza della Comunione è essenziale per la nostra vita di fede e per il nostro culto pubblico”, hanno affermato dall’Arcidiocesi. “Da quando abbiamo appreso dell’intento dei funzionari della Contea di Howard, abbiamo condiviso con loro le nostre linee guida per la distribuzione della Comunione e abbiamo espresso profonda preoccupazione per il loro recente ordine che impedisce alle chiese cattoliche della Contea di Howard di distribuire la Comunione”.

Nella Fase II, che dovrebbe iniziare in alcune aree nel fine settimana del 30 e 31 maggio, le chiese saranno in grado di aprire per il culto e ospitare un terzo delle persone normalmente ospitate, sempre se le autorità locali consentiranno la partecipazione di più di 10 persone alla messa.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha recentemente pubblicato diverse lettere esecutive in merito a casi di ordine pubblico e statale che coinvolgono chiese e centri di culto. La scorsa settimana, il dipartimento ha inviato lettere ai governatori della California e del Nevada, sottolineando la necessità di rispettare la libertà religiosa mentre si lavora per combattere la pandemia di coronavirus. “In parole povere, non vi sono eccezioni alla Costituzione degli Stati Uniti e alla sua Carta dei diritti in caso di pandemia”, ha affermato Eric S. Dreiband, capo della divisione per i diritti civili del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, in una lettera del 19 maggio al governatore della California Gavin Newsom. Il Dipartimento di Giustizia è anche intervenuto nei conflitti tra chiese e autorità locali, tra cui una causa contro il sindaco di Greenville, Mississippi, dopo che i membri della chiesa battista sono stati multati di $ 500 per aver partecipato a un servizio restando dentro le loro macchine in sosta presso il parcheggio della chiesa. Il sindaco ha infine annullato le multe.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments