L’attivismo (e vittimismo) gay cerca di strumentalizzare i giudici per sentenze pro lgbt


L’avvocato Hernán Corral ha avvertito che “l’attivismo gay” sta cercando di strumentalizzare i giudici cileni per ottenere condanne favorevoli quando non riescono ad avere una maggioranza parlamentare che sostenga le loro causa, “usurpando la competenza degli organi della democrazia rappresentativa”.

Corral lo ha affrontando due recenti casi riguardanti coppie gay e che potrebbero cambiare la normativa sulla famiglia in Cile.

L’avvocato si riferisce al caso di un “matrimonio” civile contratto a Barcellona (Spagna) tra due donne, una di nazionalità spagnola e l’altra cilena. Hanno chiesto il riconoscimento legale del loro stato civile in Cile, ma questo è stato negato. Le donne hanno fatto appello alla Corte costituzionale in merito alla “discriminazione” contenuta negli articoli della legge dell’Accordo dell’Unione Civile (AUC), promulgata nell’aprile 2015 da Bachelet e che regola gli effetti legali della convivenza tra coppie dello stesso sesso ed eterosessuali.

Il 5 giugno, la corte ha respinto l’appello con 5 voti favorevoli e 4 contrari perché la legge cilena afferma che il matrimonio straniero può essere riconosciuto se unione tra un uomo e una donna.

L’altro caso è relativo ad un Tribunale di Santiago del Cile che si è pronunciato a favore della domanda di maternità di due donne che avevano contratto l’AUC in Cile e avevano avuto un figlio attraverso la fecondazione assistita.

Hernán Corral ha spiegato che “i gruppi di attivismo gay, non ottenendo le maggioranze parlamentari, hanno cercato di strumentalizzare i giudici in modo che, usurpando la competenza degli organi della democrazia rappresentativa, dettino sentenze che legiferano a loro favore”.

Nel primo caso, Corral ha precisato che le donne “hanno affermato che detto precetto violava l’uguaglianza davanti alla legge e alla protezione della famiglia e che un figlio che una di loro aveva concepito non avrebbe avuto un’affiliazione coniugale, il che sarebbe contrario al loro interesse più alto”.

Nel secondo caso le donne hanno cercato “un giudice di famiglia empatico con la loro situazione e costruito artificialmente un reclamo per la maternità”, ha detto Corral. “La sentenza ha respinto la richiesta con una buona ragione. Ha sottolineato che il legislatore, secondo la Costituzione, può riconoscere diverse forme di famiglia, ma non è obbligato a dare loro lo stesso statuto, in particolare facendo riferimento alla Convenzione americana sui diritti umani che stabilisce il diritto di sposarsi tra un diritto del uomo e donna”.

Nel caso della co-maternità, c’è stata “una collusione procedurale, poiché le parti hanno concordato e il giudice ha sostenuto ciò ordinato che il ragazzo fosse registrato come figlio delle due donne”, ha spiegato Corral. Il Registro Civile “dovrebbe rifiutare di praticare questa registrazione, poiché ciò comporterebbe una palese illegalità”, ha sostenuto Corral.

Nella sua analisi, l’avvocato ha spiegato che “la discriminazione deve essere analizzata una volta chiarito cosa si intende per relazione filiale. Se essa consista solo nel sentimento di voler essere padre o madre, o se si tratta di una realtà antropologica fondata sulla procreazione sessuata che caratterizza la specie umana e che, quindi, vi può essere solo un padre e una madre. In entrambi i casi, dovrebbe essere ricercato il miglior interesse del bambino ed è curioso che le due donne abbiano invocato i migliori interessi del bambino negando al minore la possibilità di avere un padre”, ha detto Corral. “Ciò che è in gioco non è la discriminazione basata sull’orientamento sessuale, ma quale matrimonio e quale filiazione conserveranno le nostre leggi familiari. E in ogni caso, questo dovrebbe essere deliberato e deciso al Congresso; e non da uno o più giudici che non hanno la legittimità democratica di sostituire le attuali leggi con le loro sentenze “, ha concluso Hernán Corral.

ANGELICA LA ROSA

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments