Il velo islamico non è mai simbolo di libertà ma di sottomissione


[contact-form][contact-field label=”Nome” type=”name” required=”true” /][contact-field label=”Email” type=”email” required=”true” /][contact-field label=”Sito web” type=”url” /][contact-field label=”Messaggio” type=”textarea” /][/contact-form]

Aisha fu Silvia, vivendo in una società libera, ha il diritto di metterselo il velo ma la inviterei a pensare alle donne perseguitate, picchiate, violentate, lapidate per esserlo levato.

La libertà non è mai a senso unico e vorrei solo che fosse chiaro che il velo islamico non è mai un simbolo di libertà, semmai il simbolo della sottomissione agli uomini padroni, non a Dio.

E insieme, quel cencio, testimonia con arroganza una contro società, quella che si fonda sui precetti per cui i suoi rapitori, responsabili della morte di migliaia di innocenti, l’hanno rapita da infedele per riconsegnarla al mondo da convertita e velata.

Penso abbia perso una occasione per tacere, o per misurare meglio le parole, ma forse la sua missione è proprio questa.

E magari farsi passare da martire della comunità che ha pagato, e gioito, per la sua liberazione.

La società che ora viene ripagata con la mistificazione e l’irriconoscenza.

I media largamente complici fanno da grancassa alla propaganda a senso unico per cui sono pagati risultando piuttosto penosi.
Che tristezza.

 

Lorenzo Capellini Mion


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments