Ddl Omotransfobia, anche gli insegnanti di religione rischiano l’arresto


Se passasse il Ddl Zan e un insegnante di religione parlasse a scuola della famiglia naturale come la sola riconosciuta dalla Chiesa, potrebbe essere accusato di “omotransfobia” rischiando pene severe: in questo modo, nonostante il Concordato, si riuscirà a mettere alla porta la fede che ha plasmato l’Italia e a cui tanti genitori desiderano educare i propri figli.

La Nuova Bussola ha intervista sul tema Nicola Incampo, direttore dell’Ufficio Scuola della diocesi di Tricarico (Matera), autore di diversi testi di religione adottati nelle scuole italiane e responsabile dell’area IRC del sito CulturaCattolica.it

QUI L’INTERVISTA INTEGRALE 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments