Uccisa perché cristiana dagli islamisti del Mali


Di Giulio Meotti

Gli islamisti in Mali hanno assassinato Beatrice Stöckli, la missionaria cristiana dalla Svizzera.

Si farà fatica a trovarne notizia. Perchè Beatrice non lavorava per una ong dell’immigrazione, ma per Neues Leben Ghana, una ong di idealisti evangelici tedeschi che aiuta gli africani a costruire una vita migliore.

Non il singhiozzo dell’uomo bianco, ma il suo orgoglio. Beatrice non nascondeva la propria fede, in una terra dove è spesso una condanna a morte e in un tempo liquido a disagio, infastidito e intollerante verso una identità dura come la roccia.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments