La candidata alla Corte Suprema Amy Coney Barrett: “Credo nel potere della preghiera”

Di Matteo Orlando

Amy Coney Barrett è apparsa per la prima volta davanti al Senato, che deve confermare la sua nomina a nuovo giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, e nel suo discorso non ha esitato a testimoniare quanto siano importanti la sua famiglia e la sua fede.

“Mio marito Jesse ed io siamo sposati da 21 anni. È stato un compagno meraviglioso e altruista in ogni fase del cammino. Siamo i genitori di sette meravigliosi bambini. Tra questi bambini c’è il più giovane, Benjamin, che ha la sindrome di Down. È il favorito unanime della famiglia”, ha detto la Barrett.

Il futuro giudice della Corte suprema ha evocato il ricordo del giudice Antonin Scalia, suo mentore, cattolico come lei, morto nel febbraio 2016. “Ho anche lavorato come assistente del giudice Scalia e, come molti studenti di giurisprudenza, credevo di conoscere la giustizia prima di incontrarlo, perché avevo letto molte delle sue opinioni sorprendenti e accessibili. Tuttavia, più che lo stile della sua scrittura, è stato il contenuto del ragionamento del giudice Scalia a plasmarmi. La sua filosofia giudiziaria era chiara: il giudice deve applicare la legge così come è scritta, non come il giudice vuole che sia. A volte questo approccio comportava l’ottenimento di risultati che non si gradivano. Ma come ha detto in uno dei suoi giudizi più noti ‘questo è ciò che significa dire che abbiamo un governo di leggi, non di uomini'”.

La Barrett ha ricordato che il giudice Scalia le ha insegnato più della legge. “Era devoto alla sua famiglia, fermo nelle sue convinzioni e senza paura delle critiche. E quando ho intrapreso la mia carriera di avvocato, ho deciso di mantenere la stessa prospettiva. Nella nostra professione si tende a considerare l’esercizio della professione legale come un’attività generale, perdendo di vista tutto il resto. Ma questo rende la vita superficiale e insoddisfacente. Ho lavorato duramente come avvocato e come insegnante. Lo dovevo ai miei clienti, ai miei studenti e a me stessa. Ma non lascio mai che la legge definisca la mia identità o mi porti via il resto della mia vita. Un principio simile si applica anche al ruolo dei tribunali. I tribunali hanno la responsabilità vitale di far rispettare lo Stato di diritto, che è fondamentale per una società libera. Ma i tribunali non sono progettati per risolvere tutti i problemi o correggere tutti gli errori nella nostra vita pubblica. Le decisioni politiche e i giudizi di valore del governo devono essere presi da rami politici eletti dal popolo e responsabili nei confronti del popolo. Il pubblico non dovrebbe aspettarsi che i tribunali lo facciano, e i tribunali non dovrebbero provare”.

La Barret ha anche spiegato perché ha accettato la nomina di Trump. “Quando il Presidente mi ha offerto questa nomina, sono stato profondamente onorata. Ma non era una posizione che stavo cercando e ci ho pensato attentamente prima di accettarla. Il processo di conferma, e il compito di servire la Corte se vengo confermata, richiede sacrifici, in particolare da parte della mia famiglia. Ho deciso di accettare la nomina perché credo profondamente nello Stato di diritto e nel posto della Corte Suprema nella nostra nazione. Credo che gli americani di ogni provenienza meritino una Corte Suprema indipendente che interpreti la nostra Costituzione e le nostre leggi così come sono scritte. E credo di poter servire il mio paese interpretando questo ruolo”.

Il giudice Barrett ha concluso il suo discorso spiegando che crede “nel potere della preghiera” e che per lei è stato incoraggiante che tante persone hanno pregato per lei. “Se avrò la fortuna di essere confermato, mi impegno ad adempiere fedelmente e imparzialmente ai miei doveri nei confronti del popolo americano come giudice associato della Corte Suprema”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

"Costo standard" di sostenibilità per allievo è strada per libertà di scelta educativa di cittadini e famiglie

Mer Ott 14 , 2020
Post Views: 10 Di Suor Anna Monia Alfieri