I magi, la scienza e quei danni del Comunismo…


STUDIO, PERSEVERANZA, FEDE, SACRIFICIO E UMILTÀ SONO LE QUALITÀ DEI VERI SCIENZIATI

Di Jozef Mikloško*

Poco più di 2 mila anni fa, i magi vivevano nell’attuale Iran, studiando scritti astronomici invece di “fare cose utili”.

Non avevano binocolo, computer o Internet, le loro possibilità di ricerca erano molto limitate.

Il quartiere li considerava strani, le mogli li incolpavano di non aiutare a casa. Tuttavia, erano appassionati del loro hobby.

Gli scritti dicevano che se una grande stella fosse apparsa nel cielo sarebbe stata la stella del neonato re ebreo.

Ci credettero e quando apparve la stella, lasciarono tutto e lasciarono la pace per l’ignoto. Sebbene tutti li condannassero, partirono per un viaggio di diverse centinaia di chilometri dall’attuale Iran all’odierno Israele per adorare il re degli ebrei.

Si aspettavano grandi festeggiamenti, ma a Betlemme, sotto la stella, trovarono solo un bambino povero.

Sebbene avessero i loro dei, capivano i segni dei tempi e credevano che questo bambino indifeso fosse anche il re dei Persiani. Si prostrarono davanti a lui e lo adorarono e gli fecero doni generosi (Matteo 2,2-12).

Se avessero obbedito alla chiamata di Erode di tornare da lui, le cose sarebbero andate diversamente.

Hanno rischiato il loro possibile fiasco ma hanno ottenuto un trionfo storico. Questi uomini misteriosi sono un simbolo di scienza, fede, perseveranza e umiltà.

Studio, perseveranza, fede, sacrificio e umiltà sono le qualità dei veri scienziati.

Secondo la tradizione, i loro resti sono conservati nella cattedrale di Colonia, sopra la quale si trova un dipinto insolito. Tre magi stanno intorno al bambino, il primo è giovane, il secondo è di mezza età, il terzo è vecchio. Le tre generazioni non competono tra loro e non interferiscono.

Vicino a Colonia c’è Bad Godesberg, dove nel 1953 è stata fondata la Fondazione tedesca Alexander von Humboldt che assegna circa 500 nuove borse di studio scientifiche all’anno, mantiene contatti regolari con le decine di migliaia di ex corsisti di oltre 130 paesi, compresi 40 vincitori di premi Nobel.

Non esiste organizzazione al mondo che abbia avuto un impatto così significativo sulla mia vita come la Fondazione Alexander von Humboldt.

Mi era stata assegnata una borsa di studio per il 1969, ma dato che aspettavamo il mio secondo figlio, hanno spostato il mio inizio al 1970.

Durante il mio soggiorno a Monaco ho posto le basi per il mio futuro lavoro scientifico.

Dopo 10 mesi, al mio rientro nell’allora Repubblica socialista Cecoslovacca mi hanno confiscato la valigia di libri religiosi al confine e non mi è stato permesso di ritornare in Occidente per 11 anni.

Non dimenticherò la cordialità, la professionalità e il carisma dell’ecumenismo nazionale, razziale e religioso, che ho sperimentato a contatto con i responsabili della Fondazione Alexander von Humboldt.

Gli atteggiamenti degli scienziati e degli studenti di Colonia ci hanno aperto gli occhi e hanno mostrato che esisteva un altro mondo al di là del comunismo.

Le persone del blocco orientale non li sottovalutavano, non li consideravano inferiori, “spie rosse”, casi persi.

Oggi viaggiare per il mondo è cosa scontata, sotto il comunismo era necessario lottare per ogni viaggio, spesso inutilmente.

È incalcolabile quello che hanno perso le generazioni che non hanno potuto viaggiare e vivere in libertà.

Una volta un vecchio scienziato mi disse: “Perdonerei tutto ai comunisti, ma non li perdonerò mai per non averci permesso di viaggiare”.

A Varsavia, città natale di Marie Curie-Sklodowska, due volte premio Nobel per la ricerca sulla radioattività, c’è scritto: “Sono una di quelle che crede che la scienza sia qualcosa di molto bello”.

In 27 anni della mia vita da scienziato ne sono stato convinto tante volte. A tutti coloro che prendono sul serio la scienza e – nonostante la possibilità di un successo rapido ed economico in altre discipline – sentono un’urgente passione creativa per il lavoro scientifico, consiglio di non dimenticare che esiste una Fondazione Alexander von Humboldt in Germania, che sostiene generosamente scienziati di talento.

 

*Già vicepremier della ex Cecoslovacchia


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments