Biden ha ripristinato i fondi all’OMS tagliati dal coraggioso presidente Trump


LA DOTTORESSA MORSE: “L’OMS HA ESSENZIALMENTE AGITO COME UN AGENTE DI PECHINO, INIZIALMENTE MINIMIZZANDO LA GRAVITÀ DELLA CRISI E POI COPRENDO LA GRAVE CATTIVA GESTIONE DELLA PANDEMIA DA PARTE DEL REGIME COMUNISTA”

Di Angelica La Rosa

“È triste ma non sorprende”, ha detto il presidente del Ruth Institute statunitense, la dottoressa Jennifer Roback Morse, Ph.D., in risposta alla notizia che l’amministrazione Biden ripristinerà 200 milioni di dollari di finanziamenti all’Organizzazione mondiale della sanità tagliati dal presidente Trump l’anno scorso.

Trump aveva citato l’abissale record dell’OMS di sostenere la Cina nella gestione del coronavirus. Morse ha osservato: “L’OMS ha essenzialmente agito come un agente di Pechino, inizialmente minimizzando la gravità della crisi e poi coprendo la grave cattiva gestione della pandemia da parte del regime comunista. L’OMS è stata d’accordo con l’opposizione della Cina al divieto di viaggio – che avrebbe salvato milioni di vite, se fosse stato attuato presto. Nel dicembre 2019, l’OMS ha persino negato che la trasmissione da uomo a uomo fosse possibile, ancora una volta seguendo la linea del partito. Oltre a COVID-19, l’OMS è diventata un implacabile sostenitore dell’aborto in tutto il mondo”, ha spiegato la Morse.

Infatti, in una pubblicazione pro aborto del 2012, l’Oms diceva che 47 milioni di persone muoiono ogni anno e altri 5 milioni rimangono disabili, a causa di ciò che definisce ‘aborto non sicuro’. Non a caso l’OMS ha affermato che “l’accesso a un aborto elettivo sicuro all’inizio della gravidanza potrebbe impedire quasi tutti queste morti.

“Inutile dire che il Ruth Institute respinge categoricamente le pretese argomentazioni dell’OMS”, ha spiegato la dottoressa Morse. “Proprio come l’OMS funge da esecutore per la Cina in merito al COVID-19, è anche un megafono per la Planned Parenthood Federation su ciò che eufemisticamente designa ‘salute riproduttiva’. In realtà, l’aborto non è mai sicuro per il nascituro o per la società”.

La dottoressa Morse ha ricordato che negli Stati Uniti d’America, il cosiddetto ‘aborto sicuro ed elettivo’, “ha portato a orrori come l’aborto tardivo, gli aborti eseguiti su minori senza il consenso dei genitori, l’aborto come forma di controllo delle nascite, la violazione dei diritti di coscienza e la vendita di parti del corpo fetale. Dato che non c’è luce del giorno tra l’amministrazione Biden e la lobby per l’aborto, non è esattamente scioccante che il ripristino dei finanziamenti all’Organizzazione mondiale della sanità sia stata una delle prime mosse di Biden come presidente. Mentre i sostenitori dell’aborto sono entusiasti, il popolo americano – comprese madri e bambini – non è ben servito da questa decisione”, ha concluso Morse.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments