Nazionalisti montenegrini cercano di boicottare l’intronizzazione del primate ortodosso serbo


LE RADICI DELLE “GUERRE JUGOSLAVE” (1991-2001) SONO BEN LUNGI DALL’ESSERE SRADICATE…

Di Angelica La Rosa

Più di venti persone sono rimaste ferite in Montenegro negli scontri tra polizia e manifestanti (la polizia ha annunciato otto arresti) contro l’intronizzazione del nuovo Primate della Chiesa ortodossa serba nel piccolo Stato balcanico, in un contesto di tensioni identitarie.

Le violenze hanno rovinato la breve cerimonia di intronizzazione tenutasi a Cetiña, storica città nel sud del Paese. Il vescovo Joanikije è stato trasportato in elicottero dalla capitale, Podgorica, al monastero della città, sede principale della Chiesa ortodossa serba in Montenegro, per evitare le barricate che dal giorno prima avevano bloccato le strade circostanti.

Migliaia di montenegrini sono accorsi in quella città per protestare contro l’intronizzazione del nuovo vescovo in questo monastero del XV secolo, considerato dai montenegrini un segno di identità.

Quanto accaduto rivela che le radici della guerra balcanica, avvenuta alla fine del secolo scorso, sono ben lungi dall’essere sradicate.

Dopo quasi 90 anni di vita insieme, il Montenegro si era reso indipendente nel 2006 dalla Serbia, con la quale intrattiene rapporti complessi.

Un terzo dei suoi 620.000 abitanti si identifica come serbo e la Chiesa ortodossa serba è dominante nel Paese, anche se i suoi oppositori la accusano di servire gli interessi di Belgrado.

Secondo le immagini diffuse dalla chiesa, l’elicottero con a bordo il vescovo Joanikije e il patriarca della Chiesa ortodossa serba, Porfirio, è atterrato sul prato antistante il monastero al suono delle campane.

La polizia aveva stabilito un perimetro di sicurezza attorno all’edificio per proteggere la cerimonia, dopo di che i religiosi sono tornati nella capitale del paese.

Le forze di sicurezza hanno sparato gas lacrimogeni e granate assordanti per scacciare i manifestanti dalle vicinanze del monastero.

Secondo il vicedirettore della polizia, Dragan Gorovic, citato dalla televisione nazionale, una ventina di poliziotti sono rimasti feriti.

Il giorno prima della visita migliaia di persone hanno eretto barricate per impedire l’accesso a questa città e hanno trascorso la notte vicino ai falò per riscaldarsi. Alcuni manifestanti erano anche armati e hanno sparato colpi in aria, altri hanno dato fuoco a pneumatici.

Non chiediamo niente a nessuno, ma ci viene negato dalla chiesa serba occupante. Qui difendiamo la nostra dignità“, ha detto Saska Brajovic, un funzionario di 50 anni che ha passato la notte su una barricata.

I manifestanti erano stati convocati da organizzazioni che si definiscono “patriottiche” e dal partito DPS del presidente montenegrino Milo Djukanovic, sconfitto un anno fa alle elezioni legislative da una coalizione vicina alla Chiesa ortodossa serba.

Il presidente, che aveva annunciato la sua presenza a Cetiña, “dove si difende la dignità dello Stato”, ha accusato le autorità della vicina Serbia e la Chiesa ortodossa di “negare il Montenegro e i montenegrini, nonché l’integrità” del suo Paese.

Il monastero della città è stato per secoli la sede dei sovrani montenegrini fino alla fine della prima guerra mondiale. Per questo motivo gli oppositori della Chiesa ortodossa serba considerano il monastero proprietà della Chiesa ortodossa montenegrina, una vera minoranza e non ancora riconosciuta dal mondo ortodosso. Anche i montenegrini sperano che venga loro concessa una chiesa autocefala, sull’esempio di quanto accaduto in Ucraina, che ha causato un grande scisma nell’Ortodossia.

Questo tipo di conflitto è tipico delle chiese ortodosse in quanto di solito sono legate in modo quasi organico alle nazioni in cui sono presenti. Non a caso i nazionalismi di un segno o dell’altro hanno sempre al loro fianco sacerdoti e vescovi ortodossi.

Sia il nuovo governo che la chiesa serba accusano il presidente montenegrino di alimentare le tensioni religiose con sanzioni politiche, dopo che l’ultima normativa ha lasciato fuori dal potere il suo partito.

Mentre il presidente serbo Aleksandar Vucic ha accolto con favore il fatto che il governo montenegrino sia riuscito a ottenere la cerimonia, l’ambasciata degli Stati Uniti e la delegazione dell’Unione europea (UE) hanno invitato i responsabili politici a calmare la situazione e ad abbassare le tensioni.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments