Gli anglicani in Galles benedicono le unioni civili omosessuali


SECONDO QUESTI VESCOVI LA CHIESA DEL GALLES “HA FATTO LA COSA GIUSTA, DAVANTI A DIO, PER LA COMUNITÀ LGBTQIA+”

DiAngelica La Rosa

 

La “Chiesa” del Galles, formata da sei diocesi anglicane nel Regno Unito, consentirà al suo clero di celebrare funzioni per benedire le unioni civili o i “matrimoni” tra persone dello stesso sesso. Tuttavia, non potranno celebrare matrimoni religiosi legalmente vincolanti tra tali persone.

L’organo di governo della Chiesa del Galles ha approvato un disegno di legge con una maggioranza superiore ai due terzi, dopo un dibattito di tre giorni al Wales International Convention Centre di Newport.

I vescovi hanno approvato il disegno di legge all’unanimità, mentre il clero ha votato 28 contro 12 a favore, con due astensioni. I laici hanno votato 49 a 10 con un’astensione. L’approvazione del disegno di legge sarà in vigore per cinque anni in via sperimentale. Tuttavia, se un membro del clero anglicano preferisce non partecipare alle cerimonie di benedizione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, può scegliere di non farlo.

Il primate anglicano del Galles, Andy John, ha affermato di sapere che la decisione di onorare e benedire le coppie LGBT durante le cerimonie di benedizione riceverà un critiche da coloro che non sono d’accordo. Tuttavia, ritiene che l’approvazione di questa politica sia un “anticipo” della Chiesa. “Tutto il progresso è, in una certa misura, una deviazione; qualcosa cambia quando c’è una nuova espressione della pratica”, ha detto ai presenti all’incontro. “E anche quando quel cambiamento sembra essere in linea con una posizione dichiarata, è comunque un cambiamento”.

Il vescovo Gregory Cameron di St Asaph, che ha guidato l’iter del disegno di legge, ha affermato che “la Chiesa oggi si è pronunciata decisamente a favore delle benedizioni. Esco da questo dibattito senza alcun senso di trionfo”, ha detto in una dichiarazione, “ma credendo che la Chiesa del Galles abbia fatto la cosa giusta sotto Dio per la comunità LGBTQIA+ “.

I vescovi che hanno presentato il disegno di legge hanno dichiarato in una relazione esplicativa ad agosto che credono che la legislazione rivelerà che l’impegno amorevole e fedele è “degno di essere accettato dalla Chiesa che chiede la benedizione di Dio su detto impegno”.

I vescovi hanno riconosciuto che la decisione sarà controversa, ma la considerano “un passo sulla strada del pentimento da una storia nella Chiesa che ha demonizzato e perseguitato gay e lesbiche, costringendoli alla paura, alla disonestà e talvolta anche alla violenza. ipocrisia”, impedendo loro “di vivere pubblicamente una vita impegnata di coppia”.

Come prevedibile, il settore minoritario evangelico della comunione ecclesiale anglicana in Galles, l’unico che tiene conto di quanto insegna la Bibbia, e quindi Dio, sui rapporti omosessuali, si è detta scandalizzata per quanto accaduto .

L’Associazione Evangelica della Chiesa del Galles ha affermato che la decisione comporta un “senso di tristezza per il fatto che la Chiesa del Galles abbia deciso di discostarsi da una concezione tradizionale del matrimonio e di grande incertezza”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments