La protezione amorevole di Maria che sa cosa vuol dire perdere un figlio


VOX DEI (IN LATINO “VOCE DI DIO”), UN COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO DI DON RUGGERO GORLETTI

Mercoledì 15 settembre

Beata Vergine Maria Addolorata

Dal Vangelo secondo San Giovanni 19,25-27

In quel tempo, stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala.
Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.

COMMENTO

La festa di oggi ci fa capire quanto Maria abbia condiviso, più di ogni altro essere umano, la missione redentrice di Cristo. Gesù muore sulla croce, e Maria assiste impotente allo strazio delle carni del suo divin Figlio. Non ci può essere dolore più grave, per una madre, che assistere alla morte di un figlio. Maria è rimasta ai piedi della croce, straziata dal dolore, ma la sua fede non ha vacillato. Sapeva che Dio le promesse le mantiene. Ed è stata ripagata quando ha incontrato il suo Figlio risorto a vita nuova.Ma c’è un altro aspetto che questo Vangelo ci suggerisce: Gesù ha voluto affidare al discepolo amato, alla Chiesa, a ciascuno di noi, la sua santissima madre, e a Maria ha affidato il discepolo amato, ha affidato ciascuno di noi. E non lo ha fatto in un momento qualunque, ma pochi istanti prima di morire. Se non fosse stato necessario per la nostra salvezza Gesù non avrebbe usato le ultime parole pronunciate prima di morire per consegnarci alla protezione amorevole di Maria.Affidiamoci a lei nelle difficoltà, materiali e ancor più spirituali. Maria non ci abbandona, si prende cura di noi. Ella non ha mai disobbedito a Dio, non lo farà neanche questa volta.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments