Ondata di attacchi ai cristiani in India da parte di fondamentalisti indù


LA VIOLENZA È IN AUMENTO SOPRATTUTTO NELLE AREE SETTENTRIONALI DELL’INDIA

Di Angelica La Rosa

In India, in un solo giorno, il 3 ottobre scorso, si sono verificati almeno 13 episodi di violenze e minacce da parte di membri di gruppi radicali indù contro comunità cristiane negli stati di Uttarakhand, Haryana, Uttar Pradesh, Chhattisgarh e Madhya Pradesh e a New Delhi, capitale del Paese.

La notizia è stata comunicata all’Agenzia Fides dalla Commissione per la Libertà Religiosa della “Evangelical Fellowship of India” (EFI), organizzazione che riunisce comunità e confessioni di gruppi cristiani evangelici.

In diversi incidenti, gridando slogan inneggianti al dio indù Rama, folle inferocite hanno picchiato i fedeli riuniti in preghiera, distruggendo mobili, fotografie e strumenti musicali e devastando diverse sale di culto.

“Condanniamo inequivocabilmente i deplorevoli attacchi contro chiese e cristiani. I membri del Sangh Parivar (gruppo estremista indù) responsabili di queste azioni criminali devono essere immediatamente assicurati alla giustizia e ricevere la giusta punizione affinché smettano di svolgere attività violente e incostituzionali”, ha detto all’Agenzia Fides il gesuita padre Cedric Prakash, promotore di diritti umani e libertà religiosa.

“Nessuno ha il diritto di usare la legge a suo piacimento. Inoltre, secondo la Costituzione, ogni cittadino ha il diritto fondamentale di predicare liberamente la religione di sua scelta”. Il gesuita ha sottolineato che nelle aree settentrionali dell’India “la violenza è in aumento: le vittime sono sempre minoranze religiose e comunità emarginate come agricoltori o dalit”.

Gli atti di violenza fisica e psicologica (con accuse di conversione) perpetrati il ​​3 ottobre sono stati i seguenti: a Maharajganj, Uttar Pradesh, il Pastore Durgesh Bharti stava conducendo un incontro di preghiera nella casa di altri cristiani nella città di Nasirabad. Alcuni facinorosi sono arrivati ​​e hanno iniziato a maltrattarli e minacciarli. Dopo un po’ è stata chiamata la polizia. La polizia è arrivata e ha portato il pastore Durgesh alla stazione di polizia di Paniyara.

A Jaunpur, nell’Uttar Pradesh, è stato arrestato il pastore Prem Singh Chauhan: contro di lui c’era una falsa denuncia di conversione forzata.

Nel villaggio di Hasanpur Baru, nel distretto di Hathras nell’Uttar Pradesh, il pastore Suraj Pal è stato informato dalla stazione di polizia di Sadabad che era stata presentata contro di lui una denuncia per conversione forzata. Dopo l’interrogatorio, il parroco è stato rilasciato quando le accuse si sono rivelate infondate.

Nel villaggio di Chak Gordhan, Bijanaur, sempre nell’Uttar Pradesh, il pastore Dinesh stava tornando a casa dopo aver concluso una preghiera domenicale. Durante il tragitto è stato fermato da due poliziotti che gli hanno ordinato di presentarsi alla locale questura il giorno successivo.

A Maharajganj, sempre in Uttar Pradesh, l’incontro di preghiera del pastore Shrinivas Prasad è stato interrotto da elementi violenti. Mentre protestava per i disordini, anche una ragazza cristiana è stata aggredita e picchiata.

Ad Azamgarh, nello stesso stato dell’Uttar Pradesh, il pastore Nandu Nathaniel e sua moglie sono stati arrestati ai sensi della “Legge anti-conversione” dell’Uttar Pradesh, sulla base di una denuncia di persone che vivevano vicino alla loro sala di culto.

Nello stato di Chhattisgarh, nel villaggio di Kusumi, i cristiani sono stati attaccati due volte dagli abitanti del villaggio: una al mattino e una al pomeriggio, secondo le informazioni del “Chhattisgarh Christian Forum”. Gli abitanti del villaggio sono entrati nella piccola stanza usata come cappella, l’hanno distrutta e hanno picchiato dentro un ragazzo di 12 anni.

A Bhilai, sempre nel Chhattisgarh, il pastore Santosh Rao è stato convocato alla stazione di polizia, dove è stato accusato di aver compiuto una conversione religiosa illegale.

A Karnal, nello stato di Haryana, una donna cristiana e circa 25-30 altri fedeli sono stati aggrediti da membri di un gruppo estremista durante una liturgia domenicale. Sono stati minacciati, picchiati, messi in fuga e la casa dove i cristiani pregavano è stata saccheggiata.

A Roorkee, nell’Uttarakhand, circa 500 estremisti hanno fatto irruzione in una stanza dove 15 fedeli si erano radunati per la preghiera domenicale. Sia le donne che gli uomini sono stati aggrediti e picchiati dagli estremisti. Cinque cristiani sono rimasti feriti e uno di loro, Rajat Kumar, è in condizioni critiche.

A Jwalapur (Uttarakhand), gruppi radicali indù, accompagnati anche da alcuni poliziotti, hanno interrotto una funzione religiosa, minacciando i cristiani presenti. Vipin Kumar, parroco della comunità, ha riferito che i fedeli erano spaventati e non hanno sporto denuncia.

A Hoshangabad, Madhya Pradesh, estremisti hanno interrotto il culto di un gruppo di credenti, accusando i cristiani di convertire le persone al cristianesimo.

Infine, ad Asola Fatehpur Beri, nella zona capitale di New Delhi, 12 uomini si sono recati a casa del pastore Santosh Dan e lo hanno minacciato per aver annunciato il Vangelo, accusandolo di tentare di convertire le persone con l’inganno o con mezzi illegali. Lo hanno intimidito intimandogli di non far entrare nessun indù nella sua casa per nessun motivo.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments