Giovanardi: “è inciviltà, anche sportiva, far competere un trans con le donne”


BISOGNA VIETARE PER LEGGE AGLI ATLETI TRANSGENDER DI COMPETERE NELLE SQUADRE FEMMINILI

A cura di Angelica La Rosa

Il Senato dello Stato del Texas, superficie doppia di quella dell’Italia e 29 milioni di abitanti, ha vietato per legge agli atleti transgender di competere nelle squadre e gareggiare negli sport se non corrispondono al genere con cui sono stati registrati alla nascita e non in quello in cui si identificano. In Italia stiamo ancora aspettando che il Ministro delle Pari Opportunità Elena Bonetti e la Sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali rispondano alla petizione di un numeroso gruppo di donne che praticano atletica amatoriale ed alla interrogazione del senatore Quagliariello sul sì della Fidal [Federazione Italiana di Atletica Leggera] alla partecipazione alle gare femminili di atletica leggera di Fabrizio Petrillo detto Valentina, non soltanto uomo anagraficamente ma anche dal punto di vista fisiologico, non avendo compiuto nessuna transizione definitiva da uomo a donna“.

Così ha scritto sulla testata online L’Occidentale il senatore Carlo Giovanardi, che è stato vice Presidente della Camera dei Deputati dal 1999 al 2001, Ministro per i rapporti con il Parlamento dal 2001 al 2006 e Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri dal 2008 al 2011, sempre con Silvio Berlusconi come Presidente del Consiglio.

Noi continuiamo a ritenere non una scelta di civiltà bensì di inciviltà condannare le donne a competere, salvo eccezioni, per il secondo posto in giù, vedendosi battute e i loro record frantumati da chi ha l’altezza, la struttura muscolare, la potenza e gli attributi di un maschio. Speriamo che l’esempio del Texas faccia scuola e ripetendo la ormai abusata frase profetica di Chesterton ‘Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate’“, ha concluso Giovanardi.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments