Uno studio avverte della crescente intolleranza contro i cristiani in Europa


di Matteo Orlando

BATTEZZATI E ISTITUZIONI CRISTIANE DEL “VECCHIO CONTINENTE” SONO SEMPRE PIÙ ESPOSTI A DISCRIMINAZIONI E PERSINO PERSECUZIONI

I cristiani e le istituzioni cristiane in Europa sono sempre più esposti a discriminazioni e persino persecuzioni.

È quanto emerge da un rapporto dell’Osservatorio sull’intolleranza e la discriminazione contro i cristiani in Europa (OIDAC), con sede a Vienna, presentato martedì 7 dicembre in videoconferenza stampa.

Nell’Europa di oggi, non solo non è di moda vivere con convinzione la propria fede cristiana, ma può anche significare una grave riduzione della libertà personale in ambiti importanti della vita, come il lavoro o la vita. educazione“, ha affermato il direttore dell’OIDAC Madeleine Enzlberger, riassumendo i risultati che sono relativi solo a cinque stati europei analizzati negli ultimi due anni (Francia, Germania, Spagna, Svezia e Gran Bretagna).

L’intolleranza e la discriminazione contro i cristiani vanno dal vandalismo delle chiese e di altri edifici cristiani ai crimini d’odio contro le persone. Ma c’è anche una graduale restrizione di diritti fondamentali come la libertà di opinione, di religione e di coscienza, la libertà contrattuale o dei diritti dei genitori verso i figli, attraverso la pressione sociale o statale, nonché un alto grado di “autocensura” tra gli studenti cristiani. Come se non bastasse, coloro che in questi cinque stati si convertono al Cristianesimo, spesso sono esposti a minacce e violenze da parte degli islamisti.

Secondo il rapporto dell’Osservatorio di Vienna, i crimini di odio anticristiani dal 2019 al 2020 sono complessivamente aumentati del 70% in tutta Europa, anche se gli autori chiedono cautela sulla cifra, perché ritengono che sia troppo presto per avanzare affermazioni quantitative e comparative. Nel caso della Germania, per esempio, il rapporto elenca 255 casi, la maggior parte dei quali relativi ad atti vandalici nelle chiese.

Le tendenze riflesse nel rapporto sono “causa di preoccupazione” anche dal punto di vista della Rappresentante speciale dell’OSCE per la lotta al razzismo, alla xenofobia e alla discriminazione, Regina Polak. La teologa viennese ha invitato alla prudenza ed ha anche sottolineato che l’aumento del numero di casi è dovuto a un numero crescente di stati segnalanti. Allo stesso tempo, ha affermato, il numero di casi non segnalati è maggiore, poiché uno stato su quattro dell’OSCE non segnala i crimini d’odio separatamente, e altri paesi non hanno una definizione comparabile.

A novembre, l’Ufficio per i diritti umani dell’OSCE ha pubblicato un proprio rapporto sui crimini d’odio contro le persone in base alla loro religione. Ha registrato, nella stessa area di indagine, quasi 1.000 di questi “incidenti” contro i cristiani.

La Polak ha chiesto di prestare maggiore attenzione ai crimini d’odio contro i cristiani e ha affermato che c’è un “bisogno urgente” di migliorare la registrazione di questi incidenti da parte dei paesi, nonché un’indagine adeguata e un dibattito pubblico sui nuovi fenomeni. Allo stesso tempo ha ricordato che è importante evitare giudizi prematuri e una “politicizzazione” del dibattito.

Una nuova forma di discriminazione anti cristiana è diventata la norma che regola l’obiezione di coscienza del personale sanitario contro l’aborto, come accade nel caso della Spagna.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments