La natività del Battista che anticipa quella del Salvatore


di don Ruggero Gorletti

COMMENTO AL VANGELO DI GIOVEDI’ 23 DICEMBRE 2021

Dal Vangelo secondo san Luca 1, 57-66

In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.

COMMENTO

Nel vangelo di Luca le storie dell’infanzia di Giovanni il Battista sono narrate in parallelo con quelle di Gesù. E anche la descrizione della natività del Battista anticipa quella del Salvatore. In questo brano ritorna la vicenda di Zaccaria. Egli era rimasto muto da quando l’angelo gli aveva annunciato la nascita del figlio, ed egli non gli aveva creduto. Ora, nato il bambino, deve decidere se fare la volontà di Dio, dando al bambino il nome che gli aveva indicato l’angelo, o adeguarsi alle convenzioni sociali, dandogli il proprio nome. Zaccaria adesso crede, e la sua fede lo porta a infrangere le convenzioni sociali (la scelta del nome ai tempi di Gesù era una cosa molto sentita) e lo spinge a fare la volontà di Dio. Questa fede operosa gli fa riacquistare la parola, quella parola che per la sua incredulità aveva perso. Agendo secondo il volere di Dio ha infranto le convenzioni sociali e ha deluso le aspettative dei suoi parenti e vicini, ma Dio gli ha ridonato la parola con la quale può entrare in rapporto con gli altri uomini. Fare la volontà di Dio, anche quando sembra che ci attiri ostilità e incomprensioni dalle altre persone, non solo ci mette in sintonia con il cuore di Dio, ma ci permette un rapporto migliore con il nostro prossimo.

 

Nella foto: Icona russa che rappresenta la nascita di Giovanni Battista


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments