La “Settimana del sesso sicuro” e le bugie della multinazionale degli aborti


di Angelica La Rosa

QUANDO I PROFILATTICI INEVITABILMENTE FALLISCONO IL PIÙ GRANDE “FORNITORE” DI ABORTI DEGLI STATI UNITI (PLANNED PARENTHOOD) “AIUTERÀ” LA DONNA A TERMINARE LA GRAVIDANZA INDESIDERATA

«Siamo entusiasti di celebrare l’impatto che i profilattici hanno avuto nel plasmare l’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva. I preservativi, sia interni che esterni, danno agli individui autonomia e accrescono la loro salute sessuale e riproduttiva». Ha commentato così la National Condom Week 2022, la settimana che si tiene ogni anno ideata per sensibilizzare all’uso dei contraccettivi, la multinazionale degli aborti statunitense Planned Parenthood.

La settimana “sul sesso sicuro” (Safe Sex Week), in corso quest’anno dal 14 al 21 febbraio, «è una frode pericolosa», ha affermato la presidente del Ruth Institute (Lake Charles, Louisiana), la dottoressa Jennifer Roback Morse.

I preservativi, infatti, falliscono, ha aggiunto la Morse e, anche la stessa Planned Parenthood, ha dovuto ammettere sul suo sito che, al massimo, «sono efficaci per circa l’85%, il che significa che circa 15 donne su 100 che fanno usare o usano i contraccettivi come unico metodo di controllo delle nascite rimarranno incinte».

Secondo uno studio recentemente pubblicato dal New York Times, il tasso di fallimento dopo 10 anni di uso continuativo dei preservativi arriva all’86%. Suggerire il contrario rafforza un mito pericoloso, secondo il Ruth Institute, ma questo naturalmente è un buon affare per la Planned Parenthood... La maggior parte del suo reddito proviene infatti dai 345.000 aborti che esegue ogni anno e, questi, interventi sono di solito il risultato del fallimento dei preservativi o di altre forme di controllo delle nascite.

«Quando quei preservativi, che incoraggiano di usare, inevitabilmente falliscono, il più grande fornitore di aborti della nazione “aiuterà” la donna a “terminare” la “gravidanza indesiderata”. È una fantastica occasione di guadagno per la Planned Parenthood, ma non è così eccezionale per la donna, il cui corpo è traumatizzato, e per il nascituro a cui è negata la possibilità di vivere. In realtà c’è solo un tipo di sesso sicuro: all’interno del matrimonio tra due persone di sesso diverso che si sono impegnate a vita l’una per l’altra», ha aggiunto la Morse.

«La rivoluzione sessuale propaganda che puoi fare tutto quello che vuoi perché non ti accadrà nulla di male, a te o a chiunque ti stia vicino. Questa è una bugia e la Planned Parenthood è la principale fonte di questa bugia. Per questo la “Settimana del sesso sicuro”, che ironicamente inizia il giorno di San Valentino, dovrebbe essere evitata perché è una delle sue iniziative più fraudolente».


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments