Perdonando facciamo nostro il modo di pensare e di agire di Dio


di don Ruggero Gorletti

COMMENTO AL VANGELO DI LUNEDÌ 14 MARZO 2022

Dal vangelo secondo san Luca 6,36-38

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

COMMENTO

«Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso». Sembra essere questo il versetto centrale, riassuntivo di questo brano. La misericordia è l’amore ostinato, che non smette di amare neanche quando non è corrisposto, neanche quando viene tradito. Il Signore non ci chiede di essere misericordiosi verso chi è in debito verso di noi perché chi in qualche modo ci ha offesi merita il nostro perdono. No. Tante volte chi ci ha offeso il perdono non lo merita proprio. Dobbiamo essere misericordiosi, dobbiamo perdonare chi ci ha offeso, perché Dio tante volte ha perdonato noi quando lo abbiamo offeso con il peccato, per questo è giusto che noi perdoniamo chi ha offeso noi. Perdonando noi facciamo nostro il modo di pensare e di agire di Dio, e in fondo perdonando facciamo del bene a noi stessi, perché noi siamo stati creati ad immagine e somiglianza di Dio, e più cenare ed agire come farebbe Dio più assecondiamo la nostra natura e quindi più siamo in pace con noi stessi, con il prossimo e con il mondo intero.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments