Quei cittadini sudditi e quei leader di partito giullari di corte


di Dalila di Dio

MAI COME NEGLI ULTIMI QUATTRO ANNI LA SALVAGUARDIA DELLA POLTRONA È STATA LA DIRETTRICE LUNGO CUI I PARTITI HANNO CONDOTTO LA LORO ATTIVITÀ POLITICA

«Normalmente, in democrazia, è il Parlamento che tiene in piedi il Governo. In questo caso abbiamo il Governo che tiene in piedi il Parlamento, il che è una anomalia».

Con queste parole, un paio di giorni fa, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha fotografato il nuovo assetto istituzionale, figlio di questa sciagurata XVIII legislatura: mai come negli ultimi quattro anni la salvaguardia della poltrona è stata la direttrice lungo cui i partiti hanno condotto la loro attività politica.

Succede quando il 33% dei seggi in Parlamento viene assegnato a una accolita di personaggi in cerca d’autore – e di emolumenti, profumati emolumenti – che una volta raggiunto l’agognato scranno si sono rivelati – come era prevedibile – disposti a tutto pur di non perdere i privilegi acquisiti.

Succede quando il PD, il partito che deve governare anche quando perde le elezioni, riesce rocambolescamente a risaltare in sella al potere, complice il momento di obnubilamento agostano di Matteo Salvini, e a riconquistare, del tutto inaspettatamente, il governo del Paese.

E se con il Conte 2 i partiti di Governo avevano dato prova del trasformismo più sfrenato – via i veti, le condizioni non trattabili, i “mai con…” – è con il Governo Draghi, la grande accozzaglia per non soccombere, che il percorso verso il meretricio più spinto è giunto a compimento: totalmente impotenti e incapaci di incidere nell’azione di governo, i partiti, tutti i partiti, hanno deciso che l’obiettivo fosse semplicemente resistere fino a marzo 2023 senza perdere troppi pezzi.

Lo si è visto durante il primo anno del “Governo dei migliori”, culminato nella oscena operetta dell’elezione del Presidente della Repubblica, e lo si può apprezzare in questa ultima fase della legislatura, tra guerra, fine – o presunta tale – dello stato di emergenza e adorazione incondizionata del feticcio PNRR.

Mentre Mario “questa è casa mia e qui comando io” Draghi propone, dispone e scompone, i leader politici, ormai tagliati fuori da ogni decisione, sono tutti protesi a dare ai rispettivi elettorati l’impressione di contare qualcosa.

E tra i “non scherziamo” di Matteo Salvini e i diktat di Enrico Letta, a cui non crede manco lui, è Giuseppe Conte a svettare: l’eroe dei due governi di opposti colori trova periodicamente il modo di rubare la scena ai competitors, riproponendo, a scadenze più o meno regolari, il quesito “vuoi più bene a Giuseppe Conte o a Conte Giuseppe?”.

Ogni volta una vittoria, un trionfo, un plebiscito.

Tra Giuseppi e Giuseppi, la giuria votante sceglie sempre, ineluttabilmente, Giuseppi! 

Quando uno è vincente, è vincente.

E, stranamente, è una vittoria di tutti anche qualsivoglia decisione assunta unilateralmente dal Presidente del Consiglio dei Ministri: da un anno a questa parte, infatti, la gara tra i partiti di Governo è ad intestarsi per primi la paternità delle decisioni di Draghi.

“Draghi cede al Movimento 5 Stelle…”, “Il PD aveva posto quale condizione imprescindibile…”, “Su suggerimento della Lega…”: frasi come queste campeggiano sulle prime pagine dei quotidiani di riferimento di ciascun partito, per convincere gli elettori che il Parlamento, i partiti, il loro voto, contino ancora qualcosa.

A dispetto di un Governo che gestisce la cosa pubblica con totale indifferenza rispetto al sentire e alla volontà popolare.

Sudditi i cittadini, giullari di corte i leader di partito. 

Si parte con un mai, si prosegue con “per garantire stabilità al Paese” e si finisce con “sì, padrone”.

Come per la storia delle armi: in principio quello del Movimento 5 stelle era un no da far tremare il Governo. Poi è diventato un sì, ma entro il 2030. Infine, Draghi annuncia un sì, entro il 2028: “proprio come aveva chiesto Giuseppe Conte”.

Cani che abbaiano ma non mordono. 

Perché basta un caffè al Quirinale tra Draghi e Mattarella per rimettere tutti a cuccia, ‘che ci sono ancora undici stipendi da mettere in banca.

La chiamano Repubblica parlamentare, bellezza!

 

Foto: Visione Tv


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments