La folle idea dell’Europa sul divario retributivo: eliminare uomini e donne

di Angelica La Rosa

SECONDO IL PARLAMENTO EUROPEO LA DIRETTIVA SULLA PARITÀ SALARIALE RICHIESTA DALLA COMMISSIONE DOVREBBE SOSTITUIRE SISTEMATICAMENTE LE PAROLE “SESSO” CON “GENERE” E “UOMINI E DONNE” CON “LAVORATORI DI GENERE DIVERSO

Per risolvere il divario retributivo tra uomini e donne l’Unione Europea propone una soluzione folle: eliminare uomini e donne. Secondo il Parlamento Europeo la direttiva sulla parità salariale richiesta dalla Commissione dovrebbe sostituire sistematicamente le parole “sesso” con “genere” e “uomini e donne” con “lavoratori di genere diverso”.

Eliminare la differenza sessuale dalle norme significa disconoscere e calpestare proprio decenni di lotte per i diritti delle donne, in nome della neolingua gender politicamente corretta“, ha dichiarato Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia.

Una direttiva dell’UE è un atto giuridico con effetti diretti sulle legislazioni degli Stati Membri, questo crea un precedente pericoloso per l’uso della parola ‘genere’ in sostituzione di ‘sesso’. Chiediamo quindi a tutti i decisori e politici europei di bloccare la direttiva e pretendere un dibattito equo che coinvolga tutti. Il Parlamento, infatti, ha anche deciso di bypassare il dibattito in plenaria e avviare direttamente i negoziati interistituzionali con gli altri organi legislativi dell’Ue, senza il voto di tutti i 705 eurodeputati, privando i parlamentari del diritto di discuterne e opporsi“.

Nel dettaglio con l’emendamento n.10 si vuole modificare la dicitura “principi comuni per i lavoratori di sesso maschile e per quelli di sesso femminile” con “principi comuni neutri sotto il profilo del genere“. Nell’emendamento n.5, invece, si parla di “persone registrate legalmente come aventi un terzo genere, spesso neutro“.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments