Si allarga la preoccupazione episcopale per ciò che sta accadendo in Germania


di Angelica La Rosa

ANCHE VESCOVI DEL SUD AMERICA E DELL’ASIA PREOCCUPATI PER LA CHIESA TEDESCA “SCISMATICA”

La “Lettera fraterna aperta” dei vescovi cattolici di tutto il mondo all’episcopato tedesco, una critica pubblica al “cammino sinodale” intrapreso dai vescovi tedeschi, è diventata ancora più internazionale negli ultimi giorni, poiché alla lista hanno aggiunto i loro nomi vescovi di due continenti precedentemente non rappresentati e di cinque nuovi Paesi.

Tra i nuovi firmatari dalla pubblicazione della lettera, infatti, ci sono l’arcivescovo Tomash Peta de Maria Santissima ad Astana (Kazakistan), l’arcivescovo emerito Fernando Guimarães dell’Ordinariato militare del Brasile, il vescovo Adair Guimarães di Formosa (Brasile), il vescovo emerito Jaime Fuentes di Minas (Uruguay), e il Vescovo emerito Alberto Montero di Canelones, Uruguay.

Con l’aggiunta di questi vescovi del Sud America e dell’Asia, la lettera ora include la rappresentanza di tutti i continenti a parte l’Antartide, dove mancano i vescovi. E con l’aggiunta dei vescovi Mark Davies di Shrewsbury (Inghilterra) e Stephen Robson di Dunkeld (Scozia), la lettera include ora le firme di vescovi di 15 paesi del mondo, per un totale di una novantina di vescovi (che rappresentano però solo il 2% circa dei circa 5.600 vescovi cattolici nel mondo). Attualmente, tra i vescovi italiani ha firmato solo il vescovo emerito di Carpi, monsignor Francesco Cavina.

“Sembra di vedere una parte della Chiesa nel nostro continente cadere nello scisma e non credere e insegnare più ciò che la Chiesa universale crede e insegna”, ha detto il vescovo Davies dopo la pubblicazione della lettera. “La mia speranza è che questa lettera e altre iniziative simili dei vescovi contribuiscano all’unità della testimonianza della Chiesa e aiutino a dissipare la confusione tra i fedeli, specialmente tra i giovani”.

Il testo della lettera di correzione fraterna descrive come causa di “possibilità di scisma nella vita della Chiesa” la promozione di idee eterodosse relative alla sessualità umana e all’ordinazione sacerdotale.

L’aggiunta di firme da tutto il mondo è un fattore importante affinché la lettera raggiunga due obiettivi importanti e correlati. Da un lato, deve evitare di essere caratterizzata come uno sforzo “solo americano”, cioè statunitense, data la tendenza prevalente nei media a presentare l’episcopato “conservatore” degli Stati Uniti come fuori contatto con la Chiesa universale, e specialmente con il Santo Padre. Se la rappresentanza dei vescovi internazionali, in relazione ai vescovi statunitensi promotori e primi firmatari, continua a crescere, la lettera sarà sempre più resistente a tali approcci e tanto più attraente per altri potenziali firmatari che preferirebbero non apparire non collegiali con i loro confratelli vescovi di diverse parti del mondo.

Inoltre, l’inclusione di più vescovi da tutto il mondo è importante affinché la lettera possa essere considerata una sorta di manifestazione universale della preoccupazione episcopale per ciò che sta accadendo in Germania, un passo oltre le precedenti lettere emesse dai vescovi della conferenza episcopale di Polonia.

Il testo della lettera, infatti, inizia evidenziando come ciò che accade in Germania potrà avere conseguenze per il resto del mondo, quindi includere le firme di più vescovi da più luoghi, in particolare dal sud del mondo, non farà altro che dare più credibilità a questa preoccupazione.

Il vescovo Thomas Paprocki di Springfield (Illinois), che funge da portavoce dei media per i vescovi che hanno organizzato e promuovono la Lettera, ha affermato che la maggiore rappresentanza geografica della Lettera mostra “che c’è una collegialità tra i vescovi del mondo, che è un’altra espressione di chiesa sinodale. È molto incoraggiante”.

“Ora che la Lettera aperta fraterna è pubblica, sembra che finalmente ne parlino tra di loro i vescovi”, ​​ha detto mons. Paprocki, aggiungendo che qualsiasi vescovo che voglia aggiungersi ai firmatari può invia un messaggio email all’indirizzo episcopimundi2022@gmail.com.

Alcuni vescovi del nord Europa e il leader dei vescovi cattolici polacchi hanno già espresso pubblicamente le loro preoccupazioni per il Cammino sinodale tedesco, ma i loro nomi ancora non compaiono come firmatari della Lettera internazionale. Mancano anche altri nomi che ci si aspetterebbe di vedere in una lettera del genere, come quelli di alcuni cardinali e di ordinari americani. Certo, potrebbe essere solo questione di tempo. La lettera, del resto, è stata pubblicata durante la Settimana Santa e quindi pochi giorni fa.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments