Il vescovo Savino: “non bisogna investire nelle armi, la corsa agli armamenti è una follia”


di Bruno Volpe

MONSIGNOR FRANCESCO SAVINO, VESCOVO DI CASSANO ALLO JONIO, È STATO SCELTO COME NUOVO VICE PRESIDENTE DELLA C.E.I. PER IL SUD ITALIA: “LA NOSTRA È UN’EPOCA RICCA DI INSIDIE, CON UNA SCRISTIANIZZAZIONE IN ATTO. VIVIAMO UN TEMPO DOMINATO DALL’INDIFFERENTISMO RELIGIOSO”

Monsignor Francesco Savino, dal 28 febbraio 2015 vescovo di Cassano all’Jonio, dal 25 maggio 2022 è vicepresidente per l’Italia meridionale della Conferenza Episcopale Italiana. Lo abbiamo intervistato.

Monsignor Savino, che cosa prova dopo questa scelta?

“Sento prima di tutto la grande responsabilità e la fiducia che i confratelli vescovi hanno investito sulla mia persona ed è un incarico quanto mai difficile e complesso. Ho tanto da imparare e certamente nella sua esecuzione porterò la mia biografia”.

Cioè?

“Essere vicino agli ultimi, ai poveri, alle persone invisibili. Poi voglio portare quella che è la grande bellezza del Sud”.

Secondo lei perché hanno scelto un vescovo di una diocesi calabrese (anche se nativo della Puglia)?

“Probabilmente per dare a questa terra un segno di speranza. I confratelli calabresi hanno scelto di convergere su di me, ne sono grato”.

Chi è Monsignor Francesco Savino?

“Un mendicante del cielo, aperto sempre alla ricerca di Dio e alla bellezza del Vangelo e alla fraternità tra gli uomini, so dire grazie e mi piace guardare alle cose di lassù con i piedi piantati in terra. Una dote che mi riconosco è l’umiltà”.

La sua scelta capita in un momento difficile, cristianamente parlando…

“Vero, viviamo un’epoca ricca di insidie, con una scristianizzazione in atto, e soprattutto dominata da indifferentismo religioso. Tuttavia la nostra deve essere una risposta di carità e soprattutto mai cadere nella mondanità o nelle logiche di potere”.

Il nostro tempo è anche un momento non semplice anche dal punto di vista storico-sociale…

“Certo. La pandemia non ci ha lasciati del tutto ed imperversa una guerra insensata e sacrilega. Forse sono i tempi più bui da dopo la Seconda Guerra Mondiale. Credo che la risposta non sia quella di investire nelle armi, la corsa agli armamenti è una follia. Occorre dare sempre la parola alla diplomazia  e al dialogo”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments