Il card. Sarah: “la tiepidezza dei cristiani è la radice più profonda dell’apostasia che stiamo vivendo”

di Angelica La Rosa

DI FRONTE AL “DIFFUSO E RAPIDO DECLINO DELLA FEDE IN OCCIDENTE”, APPELLO DEL CARD. SARAH A TUTTI I CRISTIANI AD ESSERE DI NUOVO MISSIONARI: “LE ANIME MUOIONO DI SETE, NON POSSIAMO TENERE PER NOI I VALORI DELLA VITA SPIRITUALE”

La tiepidezza dei cristiani è senza dubbio la radice più profonda dell’apostasia che stiamo vivendo“. A dirlo è stato il cardinale Robert Sarah che ha rilasciato un’intervista a Christophe Geffroy, fondatore e direttore de La Nef, portale cattolico francese, dopo la pubblicazione del suo libro “Catechismo della vita spirituale”.

Il cardinale guineano ritiene che oggi vi sia una grande mancanza di formazione nei fedeli, che ostacola il loro cammino spirituale. Sebbene vi siano laici formati, ritiene essenziale che i pastori si assumano il compito di condurre le anime in cielo.

Solo la vita con Dio può preservarci dagli eccessi e farci vivere secondo la verità nella carità e nella mitezza. I sacerdoti non abbiano paura di insegnare la vita spirituale nelle omelie e nel catechismo. Possiamo trovare laici competenti per parlare di politica o di ecologia, ma chi guiderà le pecore in cielo se non sono i pastori del gregge?“, ha ricordato il porporato africano.

Il cardinale ha rilevato che durante la pandemia “la salute dei corpi e l’equilibrio finanziario delle aziende” sono stati “ben curati, ma nessuno sembrava preoccuparsi della salvezza delle anime. Alcuni sacerdoti sono stati ammirevoli, visitando i malati, assistendo i moribondi, portando la comunione e predicando con ogni mezzo. Non puoi, non puoi mai, impedire che un morente riceva l’assistenza di un sacerdote. Spetta alle autorità politiche adottare le misure necessarie per prevenire la diffusione delle epidemie. Ma questo non può essere fatto a costo di salvare anime. A che serve salvare i corpi se l’anima è perduta? Sono stato molto commosso nel vedere i giovani francesi mobilitarsi per chiedere la messa. È un bene essenziale. Non possiamo privarcene a lungo“.

Il cardinale ha sottolineato che è “impressionante il diffuso e rapido declino della fede in Occidente. Certamente in essa si può vedere la conseguenza di un antico e virulento anticristianesimo, ma basta questa analisi quando si osserva che le nostre società occidentali hanno cessato di essere molto più cristiane per l’indifferenza dei cittadini verso le cose di Dio che per l’anticristianesimo dei governi? Alla fine, non è la principale responsabilità degli stessi cristiani? Quando viviamo in pratica come se Dio non esistesse, finiamo per non credere in Lui. Certo, la persecuzione latente da parte della cultura contemporanea funge da acceleratore di questo movimento. Le anime più deboli sono colpite dal veleno dell’ateismo pratico che è ovunque nella cultura circostante. Ma credo che più il mondo è ostile a Dio, più i cristiani dovrebbero prendersi cura della loro vita spirituale. Questa è l’unica resistenza possibile all’ateismo liquido che ci circonda e ci soffoca. Un cristiano fervente resiste veramente alla cultura della morte che permea la società. La vita dell’anima ci preserva da questo veleno diffuso“.

Il cardinale ha richiamato sia i cosiddetti progressisti che i cosiddetti tradizionalisti affermando che “la Chiesa non si contraddice. Di conseguenza, hanno torto coloro che fanno del Concilio Vaticano II un punto di rottura, o per rallegrarsi o per lamentarsi. Vedono la Chiesa come una società soggetta ai venti dei partiti e delle opinioni (conservatori, progressisti, tradizionalisti…). Tutto questo è solo la superficie delle cose. La Chiesa è la barca di Cristo. Lei ci porta in paradiso. Non si contraddirà mai in materia di fede. Pertanto, il Concilio va letto alla luce di tutto l’insegnamento tradizionale della Chiesa. Semplicemente porta alla luce, in una nuova luce, ciò che la Chiesa ha sempre creduto e insegnato per la crescita della vita di grazia nelle nostre anime. Qualsiasi altra lettura del Concilio, in un senso o nell’altro, sarebbe dettata dall’ideologia e non dalla fede“.

Lamentandosi della perdita del senso del peccato il porporato ha spiegato che “la gente pensa che la Chiesa condanni le persone quando in realtà vuole illuminarle e guidarle sulla via della salvezza. La vita dell’anima è la vita che Dio ci dona attraverso la grazia santificante ricevuta nel battesimo. La grazia è quell’amicizia con Dio che gli permette di venire a risiedere in noi come a casa sua. Ci sono atti che, oggettivamente, non sono compatibili con questa amicizia divina, sono i nostri peccati gravi, i nostri peccati mortali. Uccidono in noi la vita divina, la vita spirituale. Un peccato, per essere mortale, deve essere pienamente deliberato, commesso con piena consapevolezza della gravità dell’atto e in una materia grave. Tutto questo rimanda al segreto delle coscienze. Ma la Chiesa, per illuminare le coscienze, deve ricordare che certi comportamenti contraddicono oggettivamente il patto di amicizia con il Creatore. Sta poi ai sacerdoti accogliere ogni anima con bontà e misericordia nel sacramento della confessione. Ogni storia è unica e Cristo non ci riduce ai nostri difetti. La pratica del sacramento della penitenza è una necessità assoluta per rinnovare in noi la vita di grazia che il peccato offusca. Un’anima viva si confessa con gratitudine, un’anima tiepida abbandona la confessione ed è in pericolo di morte“.

È tempo che le omelie ci ricordino l’urgenza della salvezza. La nostra vita spirituale non è altro che la salvezza eterna iniziata e anticipata. Abbiamo qualche altro obiettivo, qualche altra preoccupazione utile sulla terra? No, siamo qui per essere salvati da Dio, per ricevere da Lui la nostra salvezza eterna. Facciamo bene a parlare di inferno. Perché Dio ci lascia liberi di rifiutare questa salvezza. L’inferno è salvezza rifiutata. Il cielo è salvezza accettata e ricevuta. Queste realtà dovrebbero essere al centro di tutta la nostra predicazione. Questo è ciò che gli uomini e le donne del nostro tempo si aspettano dalla Chiesa. Tutto il resto è secondario. Questo è il cuore della predicazione di Gesù nel Vangelo. I cristiani hanno l’obbligo caritatevole di testimoniare la verità. […] I cristiani devono proclamare ciò che Cristo ci ha insegnato sul matrimonio. Ma soprattutto devono viverlo! Quando vediamo una coppia cristiana sposata, dovremmo essere in grado di dire non che sono perfetti ma piuttosto che, nonostante i loro peccati e limiti, si amano come Dio ama noi. Le coppie cristiane devono essere evangelizzatrici con l’esempio e la testimonianza. La sua gioia dovrebbe mostrare a tutti che la fedeltà fino alla morte, lungi dall’essere una camicia di forza insopportabile, è fonte di libertà. La comunione eucaristica degli sposi è la fonte della loro vita spirituale. Ricevono ciò che sono chiamati a formare: il corpo di Cristo. Abbiamo bisogno di famiglie cristiane che ci mostrino che questo è possibile e felice. Le leggi della Chiesa sul divorzio, sull’impossibilità di ricevere la Comunione per i divorziati risposati, non sono leggi inventate da chierici rigidi. Esprimono e proteggono l’intima coerenza della vita spirituale. Siamo di fronte a una sfida immensa e decisiva. Siamo capaci di offrire la salvezza dell’anima a tutte queste popolazioni che la ignorano?“, ha concluso il porporato.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments