Scritto inclusivo? No grazie!

di Angelica La Rosa

IN BAVIERA QUALCUNO RAGIONA ANCORA!

L’ideologia gender nella scrittura, conosciuta come lingua inclusiva, è stata bandita in Baviera (Germania). Il provvedimento colpisce la corrispondenza dell’amministrazione (enti pubblici), delle scuole e delle università.

Lo ha deciso il governo del Libero Stato di Baviera, scrive il “Bayerischer Rundfunk”. D’ora in poi non saranno ammesse forme di scrittura con l’asterisco di genere, con il trattino di genere, con la lettera maiuscola interna e con i due punti interni. Se gli studenti utilizzano questo scritto, verrà contrassegnato come “errato”, ma non sarà considerato un errore.

Il capo della Cancelleria dello Stato Florian Hermann (CSU) ha però affermato che se i funzionari non rispetteranno queste regole ci saranno delle conseguenze. Le università garantiranno inoltre “che gli studenti non subiscano svantaggi se non utilizzano questo tipo di linguaggio di genere con caratteri speciali all’interno della parola (…) perché non vogliono farlo”. La guida fondamentale sono le “linee guida stabilite dal Consiglio ortografico tedesco”. A titolo precauzionale Hermann ha aggiunto che il divieto della Cancelleria statale varrà anche “indipendentemente dalle future decisioni del Consiglio ortografico tedesco sull’uso di caratteri speciali”.

Hermann ha spiegato che si tratta di “mantenere questi spazi veramente liberi da ideologie, in una società liberale e aperta”. Il linguaggio ideologicamente carico ha un “effetto molto escludente” – ha detto – e una parte della popolazione sperimenta “spesso” quello che ha definito “un grande fervore missionario”: in certi ambienti si genera effettivamente “una pressione”, una “pressione morale”, affinché venga utilizzato il linguaggio di genere.

LA REAZIONE DI FEMMINISTE E CRISTIANI MODERNISTI

Come era facilmente prevedibile, il settore maggioritario della Chiesa in Germania, caratterizzato dall’assunzione di tutti i principi del Nuovo Ordine Mondiale, comprese le questioni femministe, LGTB e l’ideologia di genere, ha protestato. L’Associazione delle donne cattoliche tedesche (KDFB) ha parlato di un “deplorevole passo indietro” e ha affermato che la presidentessa dello Stato bavarese, Birgit Kainz, ha sprecato “alternative costruttive per promuovere l’uguaglianza”. Ha anche assicurato che il linguaggio cambia, si sviluppa con la società, ma modella anche la coscienza e il pensiero. Si tratta quindi di uno strumento importante per promuovere l’uguaglianza.

Secondo la KDFB non c’è niente di sbagliato in uno sguardo costruttivo al sistema di caratteri speciali, se allo stesso tempo apre spazio a idee su un uso sensibile e attuale della lingua. La visibilità, la diversità e la tolleranza devono essere rafforzate, soprattutto in questo momento. L’Associazione ha chiesto ai responsabili di aggiungere punti con idee e non con divieti.

Da parte sua, l’Associazione della gioventù cattolica tedesca (BDKJ) in Baviera ha accusato il governo di danneggiare con questa decisione la vita di molte persone queer colpite. “Innumerevoli adolescenti cattolici dopo Pasqua andranno nelle scuole e nelle università e si troveranno ad affrontare un insegnamento in cui la loro omosessualità non sarà più discussa liberamente come realtà della vita”, ha detto la leader dell’associazione Maria-Theresia Kölbl.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments