Oregon, boom di suicidi assistiti

di Angelica La Rosa

LO DICE IL RAPPORTO ANNUALE DELL’AUTORITÀ SANITARIA

Nello stato americano dell’Oregon lo scorso anno i suicidi assistiti sono aumentati del 20%.

Un rapporto annuale pubblicato dall’Oregon Health Authority (OHA) fa molto riflettere sull’impatto del cosiddetto Death with Dignity Act.

L’approvazione del Death with Dignity Act ha reso l’Oregon il primo stato americano a consentire il suicidio assistito nel 1997 (decisione poi ratificata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti nel 2006).

Secondo la ricerca tra il 1998 e il 2022, si stima che 2.454 abbiano approfittato della legge per togliersi la vita, con un’età media di 72,5 anni. Inoltre l’anno scorso l’Oregon ha abbandonato il requisito di residenza per il suicidio assistito.

Come sottolinea Oregon Right to Life, gli ultimi dati dell’OHA suggeriscono che il cambiamento ha avuto un impatto significativo sui tassi di eutanasia, trasformando lo stato di Beaver in una calamita per coloro che, provenienti da altre parti del paese, cercano di porre fine alla propria vita.

Il rapporto ha rilevato 560 prescrizioni di eutanasia nel 2023, con un aumento di quasi il 30% rispetto al 2022, e 367 decessi derivanti dall’assunzione definitiva dei farmaci, con un aumento del 20%.

Mentre l’82% dei casi aveva 65 anni o più, il destinatario più giovane aveva solo 29 anni. Inoltre, la stragrande maggioranza delle persone che hanno richiesto l’eutanasia ha citato la perdita di autonomia (92%), la ridotta capacità di partecipare ad attività che rendevano la vita piacevole (88%) e la perdita di dignità (64%).

“Consentire ai residenti di un altro stato di venire in Oregon per essere valutati da un medico che potrebbe non conoscerli e che ha maggiori probabilità di sfuggire alla depressione e alla coercizione è irrispettoso nei confronti di questi pazienti”, ha spiegato la dottoressa Sharon Quick, presidente di una fondazione di medici per l’assistenza compassionevole.

“Potrebbero subire pressioni per assumere farmaci rapidamente senza la compagnia dei propri cari, dato il tempo e lo sforzo necessari per viaggiare e le complicazioni che potrebbero sorgere se assunti nel loro stato d’origine. Una decisione affrettata diventa la tua ultima decisione”.

Quick ha anche osservato che i farmaci per l’eutanasia non garantiscono necessariamente che la morte sarà “pacifica”, una giustificazione comune per il suicidio.

Lo scorso autunno, uno studio pubblicato sulla rivista BMJ Supportive & Palliative Care della British Medical Association ha rilevato che quasi l’80% dei casi di eutanasia in Oregon provenivano da utenti di assicurazioni sanitarie sovvenzionate dal governo e il 46% descriveva la sensazione di essere un peso finanziario per gli altri come uno dei motivi per voler porre fine alla propria vita, sollevando ulteriori preoccupazioni sugli incentivi che spingono le persone a suicidarsi.

Altrettanto preoccupante è che il tempo che i pazienti trascorrono discutendo i loro problemi con i medici prima di decidere di togliersi la vita: è sceso da 18 settimane nel 2010 a solo cinque l’anno scorso, e solo l’1% dei casi è stato indirizzato dai medici per una valutazione psichiatrica.

Dieci stati, più il Distretto di Columbia, attualmente consentono il suicidio assistito negli USA. A livello federale, i repubblicani della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti hanno chiesto la fine dei suicidi nella capitale della nazione, sulla quale il Congresso ha giurisdizione.

Al contrario, il governo Biden ha proposto di abrogare le norme federali che stabiliscono la tutela della coscienza per i professionisti che non vogliono praticare “l’aborto, la sterilizzazione e altri determinati servizi sanitari”, il “suicidio assistito, l’eutanasia o l’omicidio per misericordia” e per i “servizi gestiti organizzazioni assistenziali con obiezioni morali o religiose alla consulenza o all’invio di determinati servizi”.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments