Bimbi uccisi a Chicago ma la violenza di neri contro altri neri va occultata…


Nella perduta, violentissima, “democraticissima” Chicago tre bambini uccisi e tre feriti gravemente in una sola settimana.

Sincere Gaston di 20 mesi è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco in pieno giorno mentre era seduto sul seggiolino in macchina accanto a sua madre.

La bimba di dieci anni Lena Marie Nunez è stata uccisa da una pallottola vagante che ha fracassato una finestra di casa colpendola alla testa non lasciandole scampo.

Solo due ore dopo un’altra bambina di 8 anni, anche lei mentre si trovava nella sua casa, è stata centrata alla testa da una pallottola vagante e ora si trova in ospedale e lotta per la vita.

Nelle stesse ore un ragazzino di 17 anni è stato ucciso per strada, coinvolto forse casualmente in una guerra tra bande.

Anche loro hanno smesso di respirare ma non vedo inchini, perché la loro sorte non conviene alla narrativa.

La violenza di neri contro altri neri va occultata, numeri totalmente ignorati con le comunità più esposte abbandonate al loro destino, che pagheranno cara la follia di togliere la polizza dalle strade, la retorica razziale usata come benzina da aggiungere al fuoco appiccato ad arte.

Le organizzazioni estremiste finanziate da Soros e adottate dai media partigiani che sono lì per dividerci su commissione non lottano per la giustizia sociale o razziale ma per perseguire un’agenda politica.

Il caos e la guerra civile come ultima chance di abbattere Donald J. Trump, ultimo baluardo e unico raggio di speranza.

 

Lorenzo Capellini Mion

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments