Il neuroscienziato: “rischi traumatici per gli studenti e forse anche per i mal capitati insegnanti”


 

Si accettano scommesse su quale regione stabilirà il record di velocità in aula.

Gli studenti sono già eccitati all’idea di sedere sulle loro nuove “macchine rotanti”.

Forse se vogliamo garantire le distanze di sicurezza (che a mio avviso non possono essere inferiori ai 2 metri) in un ambiente dove comunque sarà impossibile mantenerle sempre, la mobilità dei banchi non gioca a favore, introducendo inoltre nuovi rischi traumatici per gli studenti e forse anche per i mal capitati insegnanti.

Soluzioni da ripensare.

 

Prof. Giovanni Serpelloni

Neuroscienziato


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments