Sharia, regole tribali e sanzioni leggere: in Nigeria è boom di violenze sessuali


Visto che ci fanno cosi schifo le società occidentali, secondo un recente rapporto negli ultimi cinque mesi le autorità nigeriane hanno potuto documentare 717 casi di stupro e 7.170 stupri non denunciati. Secondo tutte le stime questi numeri pur spaventosi sono ampiamente sottostimati.

In Nigeria le leggi riguardanti le violenze sessuali sono deboli e le pene leggere, al nord comanda la Sharia e al sud le regole tribali, ora fa discutere una proposta che prevedrebbe la castrazione fisica degli stupratori.

Nemmeno da sottolineare che per le bambine e le donne violentate in Nigeria, considerate pezzi di carne specie se cristiane, non si inginocchi nessuno.

Anzi c’è da importare la cultura dello stupro, pena essere accusati di razzismo al primo sospiro, per poi mettere indistintamente maschi contro femmine perché lo fanno anche gli italiani, come se le culture fossero tutte uguali, come se fosse un problema di colore della pelle.

Sarà proprio amaro il risveglio.

Volendo il rapporto e molto altro lo trovate sul sito: www.premiumtimesng.com

Lorenzo Capellini Mion


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments