Virus e disastri economici: tre epidemiologi presentano la “Protezione Mirata”


Di Lorenzo Capellini Mion

Il 4 ottobre scorso Martin Kulldorff, professore di medicina presso l’Università di Harvard, biostatista ed epidemiologo con esperienza nella rilevazione e nel monitoraggio di epidemie di malattie infettive e nella valutazione della sicurezza dei vaccini, Sunetra Gupta, professore all’Università di Oxford, un epidemiologo con esperienza in immunologia, sviluppo di vaccini e modellazione matematica di malattie infettive, e il dottor Jay Bhattacharya, professore presso la Stanford University Medical School, medico, epidemiologo, economista sanitario ed esperto di politiche per la salute pubblica che si occupa di malattie infettive e popolazioni vulnerabili, hanno firmato e diffuso la cosiddetta “The Great Barrington Declaration”, per ripartire nonostante il Covid-19.

A seguire il testo nella traduzione italiana.

***

In qualità di epidemiologi di malattie infettive e scienziati della salute pubblica nutriamo gravi preoccupazioni per gli impatti dannosi sulla salute fisica e mentale delle politiche anti COVID-19 prevalenti e raccomandiamo in alternativa un approccio che chiameremo di Protezione Mirata.

Provenienti sia da sinistra che da destra e da tutto il mondo, abbiamo dedicato la nostra carriera alla protezione delle persone.

Le attuali politiche di blocco (lockdown) stanno producendo effetti devastanti sulla salute pubblica a breve e lungo termine.

I risultati (per citarne alcuni) includono tassi di vaccinazione infantile più bassi, peggioramento degli esiti nella cura delle malattie cardiovascolari, meno screening per il cancro e deterioramento della salute mentale.
Tutto questo porta ad un maggiore tasso di mortalità negli anni a venire, con la classe lavoratrice e i membri più giovani della società che portano e porteranno il fardello più pesante.

Tenere gli studenti fuori dalla scuola è una grave ingiustizia.

Mantenere queste misure in atto fino a quando un vaccino non sarà disponibile causerà danni irreparabili, con danni sproporzionati ai meno privilegiati.

Fortunatamente, la nostra comprensione del virus sta crescendo. Sappiamo che la vulnerabilità che porta alla morte per COVID-19 è più di mille volte maggiore negli anziani e negli infermi rispetto ai giovani. In effetti, per i bambini, COVID-19 è meno pericoloso di molte altre malattie, compresa l’influenza.

Man mano che l’immunità cresce nella popolazione, il rischio di infezione per tutti, compresi i più vulnerabili, diminuisce. Sappiamo che tutte le popolazioni alla fine raggiungeranno l’immunità di gregge – cioè il punto in cui il tasso di nuove infezioni è stabile – e che questo può essere aiutato da (ma non dipende da) un vaccino. Il nostro obiettivo dovrebbe quindi essere quello di ridurre al minimo la mortalità e il danno sociale fino a raggiungere l’immunità di gregge.

L’approccio più compassionevole che bilancia i rischi e i benefici del raggiungimento dell’immunità di gregge, è quello di consentire a coloro che sono a minimo rischio di morte di vivere normalmente la loro vita per costruire l’immunità al virus attraverso l’infezione naturale, proteggendo meglio coloro che sono al massimo rischio.
Chiamiamo questo “protezione mirata”.

L’adozione di misure per proteggere i vulnerabili dovrebbe essere l’obiettivo centrale delle risposte di salute pubblica al COVID-19. A titolo di esempio, le case di cura dovrebbero utilizzare personale con immunità acquisita ed eseguire frequenti test PCR di altro personale e di tutti i visitatori. La rotazione del personale dovrebbe essere ridotta al minimo. I pensionati che vivono a casa dovrebbero farsi consegnare generi alimentari e altri generi di prima necessità. Quando possibile, dovrebbero incontrare i membri della famiglia all’esterno piuttosto che all’interno. È possibile attuare un elenco completo e dettagliato di misure, compresi gli approcci alle famiglie multigenerazionali, che rientra nell’ambito e nelle capacità dei professionisti della sanità pubblica.

Coloro che non sono vulnerabili dovrebbero essere immediatamente autorizzati a riprendere la vita normalmente. Semplici misure igieniche, come lavarsi le mani e restare a casa quando si ammalano, dovrebbero essere praticate da tutti per ridurre la soglia di immunità di gregge.

Le scuole e le università dovrebbero essere aperte all’insegnamento in persona. Le attività extracurriculari, come gli sport, dovrebbero essere riprese. I giovani adulti a basso rischio dovrebbero lavorare normalmente, piuttosto che da casa. Dovrebbero aprire ristoranti e altre attività. Le arti, la musica, lo sport e altre attività culturali dovrebbero riprendere. Le persone più a rischio possono partecipare se lo desiderano, mentre la società nel suo insieme gode della protezione conferita ai più vulnerabili da coloro che hanno costruito l’immunità di gregge.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments