La tenerezza: in amore è un valore aggiunto


Di Nicola Sajeva

Fumare, bere, anticipare tutte le esperienze, ritrovarsi nella luce incerta del pub, sballare in discoteca, assumere sostanze dall’effetto disinibitorio, ostentare aggressività sono i vari quadri di un copione che molti giovani hanno scelto di interpretare.

Questa la tendenza, sponsorizzata dai potenti mezzi di comunicazione, che emerge da una realtà in cui sono presenti anche manifestazioni alternative dove il ruolo di chi sceglie di andare contro corrente diventa sempre più eroico.

La luna testimone di mille storie d’amore vede diminuire sempre più la schiera di quanti si intrattengono a sognare accarezzati dalla sua complicità. Assistiamo ad un diffuso “indurimento psicologico” che coinvolge gran parte del mondo giovanile perciò quelle azioni a cui accennavo all’inizio diventano le manifestazioni più ovvie.

L’amore, sentimento che unisce due cuori e li prepara ad attraversare tutte le burrasche della vita, si ritrova in un’atmosfera dove non riesce a scorgere i motivi della sua eternità e, privo si supporti indispensabili, rischia di naufragare dinanzi alla più piccola difficoltà.

Quale consiglio mettere a disposizione? Quale potrebbe essere la proposta vincente? Senza la benché minima pretesa di salire in cattedra per sciorinare insegnamenti, ma con il solito titolo di aver riflettuto a lungo sull’argomento, mi soffermerò su un sentimento che, esprimendo qualcosa di molto profondo, manifesta dolcezza, propensione a smussare ogni spigolo, pazienza di attendere, disponibilità a concedere all’altro spazi temporali idonei: la tenerezza.

Con le stille preziose della sua rugiada possiamo rigenerare e mantenere fresco ogni rapporto interpersonale. La tenerezza infatti può sempre offrirci la carta vincente per disarmare l’intransigenza del nostro dirimpettaio. Se va bene per tutte le situazioni esistenziali, la tenerezza trova nell’amore le condizioni ideali per mettere in atto tutte le sue mirabili potenzialità. E’ alla portata di tutti, il suo uso non presenta alcuna controindicazione, rappresenta l’antidoto per stemperare la rigidità delle posizioni egoistiche e la tensione determinata dalla ricerca della realizzazione personale.

La tenerezza è dono gratuito, apertura psicologica che rende più spedito ogni cammino di conoscenza spirituale, è balsamo nei momenti di crisi, è delicato condimento che riesce sempre a stupire, a regalare sapori e profumi sempre nuovi, a rendere gradevole ogni segmento della quotidianità.

La tenerezza è una lieve carezza, è un alito di primavera e in amore è un vero valore aggiunto che diventa garanzia di stabilità spirituale senza tramonto.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments