La paura che viviamo è funzionale all’avvento del falso profeta dell’Apocalisse?


Di Diego Torre

Il timore di un potere mondiale, imposto subdolamente ai popoli, al fine del controllo dell’umanità, ha trovato attenzione da parte di romanzieri, registi, filosofi.

Un ecclesiastico di grandi capacità intellettuali e di santa vita che affrontò lucidamente il problema fu un arcivescovo statunitense, il Ven. FULTON SHEEN (+1979).

Uomo di grande cultura, brillante conferenziere, teologo profondo, professore fecondo, egli fu uno dei primi e il più celebre telepredicatore cattolici, prima via radio e poi per televisione. Benedetto XVI, nel giugno del 2012, sottopose la sua vita alla Congregazione delle cause dei santi, che emise il decreto che la riteneva “di virtù eroiche”, conferendogli il titolo di Venerabile. La beatificazione doveva avvenire il 21 Dicembre 2019 ma è stata rinviata.

Nelle sue trasmissioni (milioni di ascoltatori) non ebbe titubanze a delineare il futuro prossimo del mondo. Così il 26.01.1947 nella trasmissione “Light Your Lamps”: “In che modo L’ANTICRISTO verrà in questa nuova era per convincerci a seguire il suo culto? Verrà travestito da GRANDE UMANITARIO; parlerà di pace, prosperità e abbondanza non come mezzi per condurci a Dio, ma come fini in sé… spiegherà psicologicamente la colpa in termini di sesso represso, farà sprofondare gli uomini nella vergogna se gli altri uomini diranno che non sono di mente aperta e liberali… accrescerà l’amore per l’amore e diminuirà l’amore per la persona; invocherà la religione per distruggere la religione; parlerà perfino di Cristo e dirà che è stato il più grande uomo che sia mai vissuto; dirà che la sua missione è liberare gli uomini dalla schiavitù della superstizione e dal fascismo, che baderà di non definire mai. Ma in mezzo a tutto il suo apparente amore per l’umanità e alle sue chiacchiere su libertà e uguaglianza, avrà un grande segreto che non rivelerà a nessuno: non crederà in Dio. Poiché la sua religione sarà la fratellanza senza la paternità di Dio, ingannerà perfino gli eletti.”

Il venerabile FULTON SHEEN previde una chiesa “strana”, sponda spirituale-psicologica al potere dell’Anticristo e della bestia venuta dal mare. E’ il falso profeta dell’Apocalisse.

”… Una controchiesa che sarà una scimmiottatura della Chiesa perché lui, il diavolo, è la scimmiottatura di Dio. Essa sarà il corpo mistico dell’Anticristo e a livello esteriore ricorderà la Chiesa come corpo mistico di Cristo. In un disperato bisogno di Dio, indurrà l’uomo moderno nella sua solitudine e frustrazione a morire dalla voglia di entrare a far parte della sua comunità, la quale darà all’uomo uno scopo più grande senza bisogno di correzione personale né di ammettere la propria colpa.” (trasmissione Light Your Lamps, 26.01.1947)

Serve al nemico una falsa idea di dio per placare quella sete di assoluto dell’uomo che nessun ateismo può spegnere. Un buonismo senza ascetica, un sentimentalismo senza verità definite, un tranquillante durante le pandemie da virus. Tale falsità sarà data da “una chiesa contraffatta. La Chiesa di Cristo sarà una. E il falso profeta ne creerà un’altra. La falsa chiesa sarà mondana, ecumenica e globale. Sarà una federazione di chiese. E le religioni formeranno un certo tipo di associazione globale. Un parlamento mondiale delle chiese. Sarà svuotato di ogni contenuto divino e sarà il corpo mistico dell’Anticristo. Il corpo mistico sulla terra oggi avrà il suo Giuda Iscariota, e sarà il falso profeta. Satana lo assumerà tra i nostri vescovi” (Il Comunismo e la coscienza dell’Occidente).

La grande paura del virus che stiamo vivendo è funzionale ad un simile “avvento”?

L’analisi del venerabile Sheen ripropone la visione dell’Apocalisse, ma anche quanto insegna il Catechismo della Chiesa Cattolica (CCC 675-6).


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments