Esclusivo, il magistrato Giorgianni: “gli atti di Conte sono del tutto fuorilegge”


Di Bruno Volpe

Un magistrato “condanna” il sedicente avvocato del Popolo Giuseppe Conte sul diritto di culto e non solo per i dpcm incostituzionali.

Lo spiega in questa intervista il dottor Angelo Giorgianni, magistrato a Messina, Presidente di Corte di Appello e dell’ associazione L’Eretico, in prima linea nella difesa dei diritti individuali.

Dottor Giorgianni, il costituzionalista Aldo Loiodice sostiene che con la proibizione della messa natalizia di mezzanotte si violano diritto e libertà di culto..

“Ha perfettamente ragione. Si tratta di un diritto previsto dall’ art 19 della Carta che non può essere compresso. E’ un diritto di civiltà che si perde nella storia, oltre che soggettivo è un diritto naturale. Lo dicono tutte le costituzioni di paesi democratici, la Carta di Oviedo e la stessa gerarchia delle fonti”.

Cioè?

“In Italia si è creato un unicum negativo ed illegale. Atti amministrativi come i dpcm emessi dal Presidente del Consiglio, sostituiscono la legge e il Parlamento. Tutte le misure adottare con questi dpcm sono illegali”.

Che cosa suggerisce?

“Se ci sono preti coraggiosi, di celebrare messa a mezzanotte”.

Ammesso che ci siano, i fedeli non possono uscire di casa..

“Non è così. Intanto davanti a leggi ingiuste è lecita la disobbedienza civile, ma anche se vengono elevate multe si possono contestare. L’importante è non pagarle, perché in questo caso significa riconoscimento della loro fondatezza”.

Non ha paura che le dicano: un Magistrato invita ad andare contro la legge?

“No, perché io invito al rispetto della legge suprema, la Costituzione. Semmai sono in difetto coloro che si basano sugli atti di Conte, del tutto fuorilegge. La messa di mezzanotte è un atto ispirato alla Costituzione non il contrario”.


Subscribe
Notificami
1 Commento
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

10/12/2020 Covid, il Papa anticipa la Messa della vigilia di Natale alle 19.30
https://www.famigliacristiana.it/articolo/natale-e-covid-il-papa-anticipa-la-messa-della-vigilia-alle-1930.aspx