Dietro il “vietato vietare” il corteo diventa sempre più numeroso…


L’ARROGANZA, LA PREVARICAZIONE, LA MENZOGNA SONO ASPETTI DI UNO STILE CHE TENDE A CARATTERIZZARE LA MAGGIOR PARTE DEI NOSTRI RAPPORTI INTERPERSONALI

Di Nicola Sajeva

L’incontro con un uomo è sempre occasione di crescita spirituale; l’incontro con un saggio sconvolge positivamente le sfere più intime del nostro sentire, riesce a mettere in discussione punti di vista consolidati, ci regala stupendi frammenti di verità.

Nella nostra società riconoscere la parola dell’uomo saggio, sta diventando un vero problema: troppi ciarlatani fanno a gara per catturare la nostra attenzione, troppe sirene riescono a disorientare le nostre mete, troppi falsi profeti attentano alla nostra buona fede.

L’arroganza, la prevaricazione, la menzogna sono aspetti di uno stile che tende a caratterizzare la maggior parte dei nostri rapporti interpersonali.

Machiavelli con il suo “il fine giustifica i mezzi” trova dappertutto accoliti pronti a mettere in atto questo ignobile teorema.

L’uomo saggio invece è il principe della pacatezza, è l’onda serena che accarezza dolcemente lo scafo della nostra esistenza, è la rugiada in grado di rinverdire e tonificare la speranza di una migliore civiltà.

L’uomo saggio preferisce i toni sereni indicativi dell’offerta gratuita, non desidera strappare il nostro consenso, sceglie di non forzare i nostri convincimenti, propone con delicatezza e umiltà, aspetta fiducioso che il piccolo seme deposto attenda il realizzarsi delle condizioni necessarie per la sua germinazione e la sua crescita.

La parola è malata: è stata l’espressione che ha messo un sigillo molto preciso ad una conversazione fiorita sulla constatazione che i rapporti umani mostrano ormai segni involutivi preoccupanti, che all’interno di molti dialoghi circola aria viziata dove l’ossigeno della sincerità, della lealtà trova difficoltà a svolgere la sua azione vitale.

La parola è malata: le cronache delle recenti vicende politiche lo dimostrano ancor di più. Gli inviti ad abbassare i toni nascondono ipocritamente la voglia di zittire l’avversario; la menzogna circola indisturbata usando schermature abbastanza trasparenti a chi riesce ad utilizzare il filtro della capacità critica.

La parola è malata: nella nostra società la produzione di anticorpi, alla bisogna, è in preoccupante calo. Le botteghe che smerciano trasparenza, pulizia morale, ordine, compostezza, lealtà e tutti gli altri antidoti contro l’ipocrisia, vedono diminuire sensibilmente i loro avventori. Sembra che nessuna agenzia educativa riesca ad individuare e a prescrivere la giusta terapia.

La parola malata facilmente soccombe e precipita nel vortice malsano della volgarità. La parolaccia diventa il condimento, il contorno del linguaggio e spazia incontrollata spinta dal vento di un falso concetto di libertà espressiva.

Molti contesti, purtroppo, assorbono questo liquame e riescono a trasmetterci la convinzione di viaggiare verso un vero progresso dove la caduta definitiva di tutte le inibizioni segnerebbe la nostra completa realizzazione.

La televisione è la protagonista, la maestra ascoltata che non si stanca di dettare le regole che gradatamente tolgono tutti i paletti, rimuovendo gli ostacoli per facilitare questa disastrosa caduta. Dietro il cartellone del “vietato vietare” il corteo diventa sempre più numeroso, sempre più convinto di innalzare il vessillo della vera libertà.

Quanta tristezza nell’espressione di questo saggio, quanto desiderio di offrirci terapie risolutive! Curare la parola significa creare le condizioni favorevoli per affrontare con fiducia e coraggio quelle strade in salita che, grazie alle curve del sacrifico, dell’altruismo, della forza di andare controcorrente, possono farci raggiungere la spianata ombreggiata dove l’uomo riesca ad interpretare al meglio il suo ruolo di costruttore della civiltà dell’amore: sogno luminoso di Giovanni Paolo II.

Cerchiamo allora di individuare i saggi che camminano accanto a noi, cerchiamo di scoprire nelle loro parole il segreto, la strada, l’indicazione giusta per umanizzare, sempre più, la nostra esistenza.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments