California, il Department of Insurance promuove il transgenderismo


LA DOTTORESSA MICHELLE CRETELLA (AMERICAN COLLEGE OF PEDIATRICIANS): “C’E’ UNA MASSICCIA SPERIMENTAZIONE INCONTROLLATA E INCONSAPEVOLE SU BAMBINI E ADOLESCENTI. QUESTO È UN ABUSO SUI MINORI”.

Di Angelica La Rosa

Il California Department of Insurance, fondato nel 1868, è la più grande agenzia per la protezione dei consumatori della California.

Gli assicuratori raccolgono circa $ 340 miliardi di premi all’anno in California. Dal 2011 il California Department of Insurance ha ricevuto più di 1.000.000 di chiamate da consumatori e ha contribuito a recuperare oltre 469 milioni di dollari in sinistri e premi.

Ma questo ente sembra diventato un esecutore acritico degli ordini delle lobby gay.

Il commissario per le assicurazioni Ricardo Lara ha ordinato al Dipartimento delle assicurazioni di pubblicare una lettera in cui si sostiene che le compagnie di assicurazione sanitaria “non possono negare la copertura per la chirurgia di ricostruzione del torace maschile per i pazienti di sesso femminile di età inferiore a 18 anni”.

“Per troppo tempo, le persone con diagnosi di disforia di genere hanno dovuto affrontare una serie di sfide per avere accesso a cure che affermassero il loro genere”, ha detto il commissario Lara. “Lo stigma sociale, idee sbagliate sulla disforia di genere e il suo trattamento e criteri medici obsoleti creano barriere alle cure mediche necessarie che possono portare a risultati tragici per le persone con disforia di genere, in particolare per i nostri giovani transgender”.

Così, il Dipartimento ha stabilito che negare la copertura per la mastectomia e la ricostruzione di un torace maschile basata esclusivamente sull’età non è ammissibile secondo le leggi statali che richiedono la copertura della chirurgia ricostruttiva.

Non a caso la TransFamily Support Services si è dichiarata “orgogliosa di collaborare con il Dipartimento assicurativo della California per rimuovere la barriera di età per le cure che affermano il genere”, ha affermato Kathie Moehlig, direttore esecutivo di TransFamily Support Services. “Questa barriera era discriminatoria e dannosa per la vita dei giovani trans. Il dover superare le travolgenti barriere all’assistenza sanitaria non dovrebbe far parte della loro esperienza. I giovani transgender affrontano già così tante sfide da famiglie che non sostengono, bullismo a scuola, stigmi sociali e persino violenza “.

“Così facendo, lo stato non solo amplia l’accesso all’assistenza sanitaria, ma compie anche un passo importante per salvare la vita degli adolescenti transgender e non binari (TGNB) alle prese con disforia di genere, depressione e pensieri suicidi. Le decisioni sulla salute di un adolescente devono essere lasciate al paziente, alle sue famiglie e ai suoi assistenti, non alle compagnie di assicurazione”, ha dichiarato il dottor Ward Carpenter, co-direttore dei servizi sanitari di il Los Angeles LGBT Center.

Secondo la World Professional Association for Transgender Health “l’uso di rigidi criteri di età nel determinare la necessità medica, e quindi la copertura assicurativa, per la chirurgia di ricostruzione del torace da donna a uomo non consente di considerare la situazione clinica unica di ogni individuo, contrariamente agli standard di cura generalmente accettati per la salute transgender e ai requisiti di diritto statale e federale”.

Non la pensano così dal Ruth Institute statunitense. “La rimozione di seni sani è irrevocabile e inconcepibile”, ha detto il presidente del Ruth Institute, la dott.ssa Jennifer Roback Morse, Ph.D., in risposta al Dipartimento assicurativo della California. La dottoressa, inoltre, si è chiesta: “Qualcuno sta dicendo a questi bambini che questa mossa è irrevocabile?, Qualcuno sta dicendo loro che, indipendentemente da come si sentiranno in futuro, stanno rinunciando alla loro capacità di allattare un bambino per sempre?”.

La dottoressa Morse ha anche osservato che “alla fine dell’anno scorso, un’alta corte del Regno Unito ha stabilito che i minori che soffrono di disforia di genere non sono in grado di dare il consenso informato ai farmaci che bloccano gli ormoni. Ma in California, i minori possono acconsentire alla doppia mastectomia”.

Secondo la Morse “il California Department of Insurance è diventato un approvatore acritico, automatico, dei diktat delle lobby gay. La loro decisione non è medica ma ideologica. Si basa sul dogma che se una ragazza adolescente decide di essere un maschio e vuole che il suo corpo venga alterato chirurgicamente per assomigliare a quello di un ragazzo, la sua decisione deve essere celebrata e facilitata. Che follia”.

La dottoressa Michelle Cretella, MD, FCP, Presidente dell’American College of Pediatricians ha dichiarato categoricamente: “questa promozione attiva del transgenderismo ha portato a una massiccia sperimentazione incontrollata e inconsapevole su bambini e adolescenti. Questo è un abuso sui minori”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments