La radice antropologica di ogni Stato


LA DOTTRINA POLITICA È COME LA FRONDA DI UN ALBERO CHE SI SVILUPPA DA UN PRECISO “TRONCO ANTROPOLOGICO” CHE, A SUA VOLTA, AFFONDA LE PROPRIE RADICI IN IMPLICITE O ESPLICITE VISIONI RELIGIOSE.

A cura di Andrea Sarra

Perché l’uomo accetta di essere cittadino?

L’anarchia sarebbe il migliore dei mondi possibili o il caos della ingiustizia?

Il libero mercato si auto-regola senza bisogno dell’intervento statale?

Qualsiasi siano le vostre risposte, prima di essere tesi politiche e/o economiche, sono prima di tutto ed essenzialmente visioni antropologiche: tesi su cosa sia l’uomo, sulla sua socievolezza o sulla reciproca estraneità, sulla naturale propensione all’armonia fraterna o al diritto illimitato su tutto e tutti…

La dottrina politica è come la fronda di un albero che si sviluppa da un preciso “tronco antropologico” che, a sua volta, affonda le proprie radici in implicite o esplicite visioni religiose.

Platone aveva intuito questo principio: la visione sociale ed economica è sempre la soluzione di una precisa visione dell’uomo.

Questo vale, come per una foresta, per tutte le organizzazioni politiche della storia umana: molte e complesse “ramificazioni” di pochi “alberi” principali.

Ed anche per lo stato laico, nonostante la retorica della neutralità e della inclusività assoluta.

Nel video che segue il professor Pierluigi Pavone riflette proprio sulle tematiche su accennate.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments