Il teologo Skrzypczak: “L’ideologia gender è satanica, i gay vivano la castità”


“E’ BUONO IL FEMMINISMO CHE PORTA ALLE GIUSTE RIVENDICAZIONI ECONOMICHE E SOCIALI. E’ ERRATO, E PERSINO DIABOLICO, QUELLO CHE FA CREDERE CHE IL CORPO SIA PROPRIETÀ ASSOLUTA DELLA DONNA E CHE POSSA FARNE QUELLO CHE VUOLE ARRIVANDO PERSINO ALLA PRATICA ABOMINEVOLE DELL’ABORTO CHE È UN OMICIDIO”

Di Bruno Volpe

“Fedez angelo della menzogna, si è reso ridicolo”: non le manda a dire dalla Polonia, il noto teologo prof. don Robert Skrzypczak, docente a Varsavia, che segue con interesse le vicende italiane.

Don Robert, in questi ultimi giorni sta tenendo banco il caso Fedez, il rapper che dal palco del concerto del Primo Maggio ha tessuto le lodi del ddl Zan. Che ne pensa?

“Fedez in quella occasione è stato un angelo della menzogna, si è reso ridicolo e ha agito su impulso del demonio. Ha agito in base a quel modo di pensare politicamente corretto che spinge per avere consensi ed applausi, dunque piacere al mondo, tanti personaggi della cultura e dello spettacolo con i miliardi facili. Non sono affatto coraggiosi costoro, ma assecondano il comune modo di pensare”.

Andiamo con ordine. Il gender, che ne pensa in ottica cattolica?

“Primo punto. Non parlo solo da cattolico, ma da persona di buon senso. Come possiamo negare che esistono due generi, uomo e donna? Il gender è satanico perché non ispirato da Dio, va contro la rivelazione. Mette l’uomo al centro e Dio al lato, anzi lo esclude”.

Omosessualità ed atti..

“Qui occorre distinguere. La Chiesa e il Catechismo dicono che non dobbiamo e non possiamo discriminare gli omosessuali che vanno trattati con amore. Tuttavia ben altra cosa sono gli atti, che ci portano all’inferno se non ci pentiamo. In particolare, lesbismo e sodomia sono ‘figli’ di Satana. In quanto ai gay, nessuno li condanna. Affrontino con pazienza la prova portando la croce nella castità”.

Sul femminismo cosa può dirci?

“Bisogna distinguere tra femminismo buono e sbagliato. E’ buono quello che porta alle giuste rivendicazioni economiche e sociali. Errato, e persino diabolico, quello che fa credere che il corpo sia proprietà assoluta della donna e che possa farne quello che vuole arrivando persino alla pratica abominevole dell’aborto che è un omicidio”.

Il suo pensiero sui Gay Pride?

“Ripeto, rispetto per l’omosessuale, ma questi cortei simili a sfilate di carnevale sono quanto di maggiormente demoniaco esista. Infatti lo stesso nome parla di orgoglio e l’orgoglio viene dal nemico e non da Dio”.

Possibile benedire da parte di un sacerdote coppie gay?

“No, lo ha detto chiaramente la Dottrina della Fede. Io posso benedire la singola persona perché non devo respingere nessuno, ma la Chiesa non ha alcun potere e dovere di benedire il peccato. E l’unione di due uomini e donne, che respingono per evidenti ragioni, la vita, è gravemente peccaminosa, porta alla morte dell’anima e all’Inferno, salvo pentimento e ritorno alla grazia. Inoltre daremmo l’impressione di assecondare tipi di famiglia e matrimonio che non ci appartengono”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments