Sopravvissuta al regime: “La Cina è più pericolosa della Germania nazista”


TESTIMONIANZA DI UNA SOPRAVVISSUTA AL MASSACRO DI PIAZZA TIANANMEN

Di Angelica La Rosa

Trentadue anni dopo il massacro di piazza Tiananmen, un evento avvenuto in Cina dove circa 10.000 persone sono state uccise per mano delle forze armate del governo, una sopravvissuta ha raccontato la sua storia all’agenzia Bitter Winter ed ha detto che la Cina è la “più grande prigione al mondo”.

Secondo Rose Tang, che ora è un’attivista pro-democrazia, “la Cina è una dittatura e una potenza coloniale più pericolosa e sanguinaria della Germania nazista. Ha prosperato grazie alla pacificazione dei governi occidentali e al corteggiamento delle multinazionali. Oggi la Cina è un pozzo nero con una superficie lucida, ma puzza da morire. È un inferno. Perché è governata dal PCC, la più grande organizzazione terroristica del mondo”.

La donna ha spiegato che quello che ha vissuto quella notte non cesserà mai di essere un ricordo traumatico. Le persone che hanno protestato volevano una riforma verso la democrazia, le proteste sono durate mesi, ma non hanno spaventato il governo, che, per dissuadere i manifestanti, ha disposto una legge marziale e ha inviato mezzi militari per uccidere le persone che si erano radunate quel 20 maggio 1989 in Piazza Tienanmen a Pechino.

Quel luogo “divenne una zona di guerra”, ha ricordato Rose Tang. “Bus e camion in fiamme sparsi in giro, persone che riorganizzavano le barricate per fermare più truppe. Ma, con mia sorpresa, l’interno della piazza era molto tranquillo, molti cinesi passeggiavano, come ogni altro pomeriggio d’estate. Quella notte migliaia di soldati iniziarono a sparare con le loro baionette a tutti i presenti indipendentemente dal fatto che fossero bambini, donne o uomini. Fu una carneficina crudele”.

Rose Tang sfuggì alla fucilazione nascondendosi tra i corpi dei morti. Poi salì su un carro armato e riuscì così a lasciare la piazza. “La piazza è stata transennata dai carri armati. Abbiamo sentito degli spari in lontananza mentre camminavamo lentamente per le strade strette tra cortili tradizionali. La gente del posto è uscita e ci ha dato le scarpe. Uno studente piangente si unì a noi, con in mano un paio di occhiali macchiati di sangue con due fori di proiettile. Ha descritto come una ragazza di 12 anni fosse stata uccisa dalle truppe vicino al mausoleo di Mao. Stava facendo una passeggiata con sua sorella di cinque anni”.

Il PCC non ha mai ammesso i fatti e ha sempre stabilito una rigida censura al riguardo. Col passare del tempo, Rose Tang è riuscita a lasciare la Cina per Hong Kong e ora vive negli Stati Uniti.

Per Rose Tang “la Cina di oggi, come quella di ieri, è ancora la prigione più grande del mondo, come mi aveva avvertito mio padre vent’anni fa. È un altro pianeta, molto sterile, in cui c’è pochissima cultura e spiritualità. La volgarizzazione e la brutalizzazione continuano a proliferare. La maggior parte dei cinesi comuni sono così gravati dai mutui dell’appartamento e dell’auto e dai costi dell’istruzione dei bambini che non si preoccupano della politica o di altri a meno che i propri interessi non siano minacciati. Anche quando subiscono un’ingiustizia, pochissimi si preoccupano di uscirne. La maggior parte è dipendente dai gadget elettronici, dall’intranet sociale (WeChat, ecc.), dagli spettacoli di varietà e dalle soap opera. La maggior parte dei miei amici, anche se molto istruiti, mi hanno detto che sono liberi e che non vivrebbero all’estero. Ma tutti fanno del loro meglio per mandare i loro figli all’estero. Né le offerte commerciali di altri governi, né i patti con la Chiesa, né le proteste, né le morti, hanno fatto cambiare rotta alla Cina, continua la dittatura. Continuano a verificarsi atti di violenza come la persecuzione dei cristiani o degli uiguri nello Xianjiang, il governo cinese continua a uccidere il proprio popolo per restare al potere”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments