Nessuno ha diritto a un figlio, ma ogni figlio merita due genitori


OGNI BAMBINO HA IL DIRITTO DI CONOSCERE LA PROPRIA IDENTITÀ GENETICA E IL PROPRIO PATRIMONIO CULTURALE

Di Angelica La Rosa

Segui Informazione Cattolica su
TELEGRAM (https://t.me/informazionecattolica),
YOUTUBE (https://www.youtube.com/channel/UC7J-wgLcG7Ztwp2LXjXGDdQ/videos),
FACEBOOK (https://www.facebook.com/informazionecattolica),
​TWITTER (https://twitter.com/infocattolica)

Nell’articolo del New York Times dal titolo Ho fatto la fecondazione in vitro senza un partner. Non avrebbe dovuto essere così difficile ”, l’autrice Alicia Lombardini ha descritto il carico emotivo e le spese per rimanere incinta da sola all’età di 42 anni, dopo aver avuto due aborti.

Il presidente del Ruth Institute, la dott.ssa Jennifer Roback Morse, Ph.D., ha risposto che “avere un figlio non è un diritto. Né è un diritto come la libertà di parola o di religione. Ogni bambino, tuttavia, ha il diritto di conoscere la propria identità genetica e il proprio patrimonio culturale. Tutti i bambini hanno diritto a un rapporto con la madre e il padre naturali, tranne se capita una tragedia inevitabile, come la morte di uno dei due. Il concepimento del donatore viola questi diritti dei bambini”.

Secondo la dottoressa Morse, una delle leader del mondo pro vita degli Stati Uniti, “questa è una tragedia evitabile che non sarebbe possibile senza la collusione di professionisti medici, compagnie assicurative e, soprattutto, la legge. La legge sulla genitorialità dice che il donatore di gameti è un estraneo legale per il bambino. Senza questa promessa di anonimato legalmente vincolante, nessuna donna acquisterebbe sperma da una banca del seme e nessun uomo effettuerebbe un deposito. I costi emotivi per i bambini che crescono in una famiglia senza padre sono grandi”.

La dottoressa Morse ha ricordato che questi bambini “non avranno un modello maschile a casa. Non sperimenteranno l’amore di un padre o impareranno i modi corretti in cui marito e moglie si relazionano tra loro. Un bambino in una famiglia con un solo genitore ha maggiori probabilità di avere problemi emotivi rispetto alle loro controparti in famiglie con due genitori. A volte, la genitorialità single è inevitabile. Ma per una donna mettere al mondo intenzionalmente un bambino con questo fardello è inconcepibile”.

Quando il Ruth Institute ha lanciato il suo Centro risorse per la paternità all’inizio del mese di giugno, la dottoressa Morse ha affermato che “da prima della nascita, fino al resto della vita del bambino, i padri sono essenziali per il benessere dei loro figli”.

Katy Faust, fondatrice e direttrice di Them Before Us , ha aggiunto: “In storie come queste, il desiderio degli adulti è opportunamente inquadrato come un ‘diritto’. In questa storia, è il ‘diritto di essere madre’ di Lombardini. Ma, come sempre accade, inquadrare i desideri degli adulti come ‘diritti’ fa sì che i bambini perdano i loro diritti effettivi. In questo caso è il figlio della Lombardini a cui viene negato il diritto di essere conosciuto, amato e cresciuto dal proprio padre. Nessuno ha diritto alla genitorialità e nessuno ti deve un figlio. Piuttosto, tutti i bambini hanno diritto alla propria madre e al proprio padre”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments