“Una ricetta per farmaci letali non è la soluzione civile per le persone vulnerabili”


IN INGHILTERRA E GALLES I CATTOLICI CHIAMATI A COMBATTERE PER LA VITA

Di Angelica La Rosa

Attraverso un video pubblicato in risposta al disegno di legge sulla morte assistita (l’Assisted Dying Bill, che ha lo scopo di legalizzare il suicidio assistito in Inghilterra e Galles), monsignor Patrick McKinney, Vescovo di Nottingham, ha invitato tutti i cattolici ad opporsi a tale disegno di legge, poiché la sua intenzione è quella di legalizzare il suicidio assistito in Inghilterra e Galles. Sostenere questa iniziativa significherebbe presumere che “alcune vite non valgono la pena di essere vissute”.

Il disegno di legge è stato patrocinato da Molly Meacher, deputata alla Camera Alta del Parlamento, e consentirebbe, dopo l’approvazione di 2 medici e un giudice della corte superiore, il suicidio assistito da un medico per adulti che hanno malattie terminali con un tempo di vita residuo stimato inferiore a 6 mesi.

“La nostra legge così com’è, che proibisce il suicidio assistito, invia un messaggio chiaro: non possiamo causare la morte di un’altra persona, non importa quanto si senta malata o depressa”.

Il vescovo ha aggiunto che “questo è il modo più sicuro per proteggere, coloro che si avvicinano alla fine della loro vita, da abusi, coercizioni o pressioni interne per scegliere la morte assistita per paura di sovraccaricare i loro cari”.

Il vescovo ha anche ricordato che se il progetto sarà legalizzato, potrebbe iniziare a succedere che i professionisti della salute forniscano farmaci letali a persone con malattie gravi per aiutarli a porre fine alla loro vita.

“Gli entusiasti di un cambiamento nella legge amano etichettare eufemisticamente questa controversa proposta come ”morte assistita”, quando in realtà ciò che chiedono è il suicidio assistito per persone gravemente malate vulnerabili”, ha detto il vescovo. “Sarebbe anche ingenuo credere che una volta approvato un disegno di legge come quello della baronessa Meacher, le richieste di suicidio assistito sarebbero semplicemente limitate a coloro che sono malati terminali. Se lo scopo della morte assistita è alleviare la sofferenza, perché dovrebbe essere limitata ai malati terminali con solo sei mesi di vita? Gli attivisti sosterranno inevitabilmente che dovrebbe essere consentito anche a coloro che hanno anni di sofferenza davanti a sé, a causa di malattie croniche o disabilità”.

Da quando la Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede ha riaffermato la posizione perenne della Chiesa sul peccato presente nell’eutanasia e nel suicidio assistito, diversi sostenitori di queste pratiche hanno tratto vantaggio in vari paesi d’Europa. Nel dicembre 2020, la Corte suprema austriaca ha stabilito che il suicidio assistito non dovrebbe più essere considerato un reato. Nel febbraio 2021, il Parlamento del Portogallo ha sostenuto un disegno di legge che avrebbe approvato l’eutanasia. Tuttavia, il presidente Marcelo Rebelo de Sousa ha posto il veto alla legislazione. Nel marzo di quest’anno, la Spagna è diventata il quarto Paese europeo a legalizzare l’eutanasia e il suicidio assistito, dopo Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo. E, come sappiamo, in Italia un referendum chiederà presto agli italiani di esprimersi sul tema.

L’arcivescovo McKinney ha incoraggiato tutti i cattolici a scrivere ai membri della Camera dei Comuni, della Camera bassa del Parlamento e della Camera dei Lord per manifestare la loro opposizione e indignazione per il disegno di legge.

“Per favore, trasmettete questo messaggio vitale: che una ricetta per farmaci letali non è la soluzione civile per le persone vulnerabili che cercano una fine dignitosa e pacifica”, ha detto Monsignor Patrick McKinney.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments