Kiko Argüello (Cammino Neocatecumenale) e il rabbino David Shlomo Rosen hanno ricevuto il dottorato ad honorem dell’Università Francisco de Vitoria


KIKO ARGÜELLO: “IN QUESTA SITUAZIONE STORICA IN CUI CI TROVIAMO, CREDO CHE DOBBIAMO AIUTARCI A VICENDA, CRISTIANI ED EBREI, A RAFFORZARE PROFONDAMENTE I NOSTRI LEGAMI PER FARE LA VOLONTÀ DI DIO”

Di Matteo Orlando

 

La UFV, cioè l’Università cattolica madrilena “Francisco de Vitoria” (gestita dai Legionari di Cristo) ha tenuto il 25 ottobre scorso l’atto accademico di investitura dei dottorati ad honorem a Francisco José Gómez de Argüello (fondatore del Cammino Neocatecumenale) e al rabbino David Shlomo Rosen.

L’investitura si è tenuta presso il Centro sportivo UFV, con la presenza di 1300 persone in presenza e circa 4000 persone collegate online.

Questo riconoscimento che l’UFV ha concesso mira a valorizzare l’incontro avvenuto tra due personalità, un ebreo e un cristiano, che hanno creduto nel dialogo e hanno messo la loro amicizia al servizio del bene e della bellezza. Entrambi sono stati protagonisti contemporanei degli importanti progressi degli ultimi tempi nel dialogo ebraico-cristiano, come dimostra la sinfonia “La sofferenza degli innocenti”, composta dallo stesso Argüello per rendere un commosso omaggio agli innocenti della Shoah, eseguita nel 2012 alla Avery Fisher Hall di New York davanti ai principali rappresentanti della comunità ebraica internazionale.

Il rabbino David Shlomo Rosen, attuale direttore internazionale degli affari interreligiosi dell’American Jewish Committee, ha ringraziato per questo riconoscimento. “Il grande onore che questa illustre università mi ha conferito stasera è rafforzato dal mio essere associato a Kiko Argüello”, ha dichiarato il rabbino. “Questo processo di riconciliazione manifesta niente meno che la misericordia divina che sta conducendo cristiani ed ebrei alla reciproca consapevolezza, rispetto, cooperazione e solidarietà”, ha aggiunto Shlomo Rosen.

Kiko Argüello ha dichiarato che “in questa situazione storica in cui ci troviamo, credo che dobbiamo aiutarci a vicenda, cristiani ed ebrei, a rafforzare profondamente i nostri legami per fare la volontà di Dio” e ha fatto riferimento al grande ruolo della Domus Galilaeae (centro internazionale di formazione e spiritualità fondato dal Cammino Neocatecumenale nel 1999 e situato in cima al Monte delle Beatitudini, in Israele), per il rapporto con gli ebrei. “Ogni anno 150.000 ebrei passano da quella casa per visitarla. Diversi seminaristi, provenienti dai diversi seminari Redemptoris Mater di tutto il mondo, imparano l’ebraico e accolgono gli ebrei, cantano lo Shema Israel, e mostrano loro la casa”.

 


Subscribe
Notificami
1 Commento
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

Dottorato bene assegnato, a due esponenti di “religioni non cristiane”!
Tobia