Fra Vinicius vince la prima edizione del Festival della Canzone cristiana di Sanremo


di Giuseppe Brienza

BUONE NOTIZIE PER LA MUSICA CRISTIANA: PER TRE GIORNI 23 ARTISTI SI SONO ESIBITI SUL PALCO DELL’AUDITORIUM DI VILLA SANTA CLOTILDE A SANREMO, PROPONENDO GLI STILI PIÙ DIVERSI: DAL POP AL ROCK, DALLA MUSICA CORALE AL RAP. IL GIOVANE RELIGIOSO FRA VINICIUS HA VINTO QUESTA PRIMA EDIZIONE CON IL BRANO “VALE LA PENA”, CHE RACCONTA LA STORIA DELLA SUA VOCAZIONE

Si è concluso ieri a Sanremo il primo Festival della Canzone Cristiana, una kermesse diretta e condotta dal cantautore fiorentino Fabrizio Venturi. Quest’ultimo, dal 3 al 5 febbraio assieme alla conduttrice televisiva Valentina Spampinato, ha presentato 23 artisti che hanno presentato le loro canzoni rigorosamente dal vivo.

Finalmente nella “città dei fiori” un festival destinato a valorizzare la vera anima della musica nazionale! Nella splendida cornice della Villa Santa Clotilde, infatti, negli stessi giorni in cui Amadeus ha condotto per la terza volta la manifestazione che è stata un tempo espressione e vivaio del pop e della musica cantautorale italiana, abbiamo assistito ad un evento che risponde all’esigenza diffusa non solo nei cattolici, ma anche di tutte le persone sensibili al fatto religioso e alla Tradizione profonda del nostro Paese.

Grazie al patrocinio del Comune di Sanremo e della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo, in questi tre giorni è stato possibile offrire una alternativa al cattivo gusto ed alle mancanze di rispetto delle ultime edizioni del Festival della canzone italiana che ha mischiato l’ideologia politicamente corretta ed Lgbt alla musica.

Fra gli ospiti della manifestazione di Villa Santa Clotilde il critico d’arte Vittorio Sgarbi, in collegamento video perché positivo al Covid, la cantautrice emiliana Debora Vezzani e l’indimenticabile ex frate cappuccino Giuseppe Cionfoli, che ricorderemo essersi esibito per ben due volte sul palco del teatro Ariston, nel 1982 e nel 1983 presentando i brani Solo grazie e Shalom.

Se Radio Vaticana è stata la radio ufficiale del Festival, anche  Radio Mater, Padre Pio Tv e Canale Italia hanno trasmesso la diretta radiofonica della kermesse. La diretta televisiva invece è andata in audio sul profilo Facebook Vaticanews.it e all’estero su www.americaoggi.us.In pratica nei tre giorni abbiamo assistito ad oltre 15 ore musica e parole, in quest’ultimo caso con racconti, storie e testimonianze di giovani e meno giovani musicisti cristiani e, degno di nota, anche uno spazio riservato alla poesia ed alla letteratura italiana, con la recita di composizioni di Dante Alighieri e Giacomo Leopardi.

Al termine della terza giornata la giuria, presieduta dall’art director Gianni Testa, ha assegnato la vittoria a Fra Vinicius con il brano “Vale la pena“. Dopo il giovane religioso brasiliano sono arrivati come secondo classificato il rapper evangelico Shoek, che ha cantato “Nuova razza” e terza la calabrese Stella Sorrentino con “Lui è l’Amore“.

La giuria ha quindi assegnato altri premi, quello per migliore interprete al gruppo degli Ikaktus, di Trento, col brano “Come se piovesse cielo“, Premio per migliore composizione e Premio Alberto Testa a Gionathan, esecutore di “Tu mi hai amato per primo“, Premio miglior testo a Dajana-Sinni col brano “Padre nostro“, Premio Stampa e Premio MEI-Meeting delle Etichette Indipendenti a Shoek, Premio Associazione Fonografici Italiani (AFI) per la miglior realizzazione discografica e Premio Produzione Discografica a Fra Vinicius, Premio San Giovanni Paolo II ai Cantàmmo a Gesù che hanno eseguito “Tu sei l’eternità” e, infine, Premio Roberto Bignoli a Letizia Centorbi col brano “Tu sei tutto per me“.

L’appuntamento con la seconda edizione del Festival della Canzone cristiana è per il febbraio del prossimo anno, sempre a Villa Santa Clotilde. Non è nato l’anti-Sanremo ma, sicuramente, un Sanremo alternativo


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments