Diecimila bambini ucraini nelle scuole d’Italia 


di Giuseppe Adernò

LA SCUOLA EDUCA ALLA PACE 

“Sono 10.064 i bambini ucraini ospitati nelle scuole italiane e di questi oltre mille nelle scuole cattoliche”.

Lo ha dichiarato il Ministro Patrizio Bianchi, intervenendo al webinar di ieri, 4 aprile, promosso dall’Unione Cattolica Italiana Insegnanti Medi (UCIIM) sul tema: “Educare alla Pace per ripudiare la guerra”.

È questa una risposta alla gravosa invasione del territorio ucraino da parte dei militari russi. L’educazione alla pace si rende concreta e operativa nell’aiutare i ragazzi a formarsi una “cultura di pace” che non è soltanto pausa dei bombardamenti, ma nella vera accezione del termine shalom vuol dire: rispetto, armonia, progresso, dialogo, collaborazione, sviluppo, solidarietà.

Compito e “mission” della scuola, oltre all’istruzione è quello della formazione morale e spirituale della persona umana, ha detto il Ministro facendo riferimento allo Statuto dell’UCIIM, che è stata istituita appunto alla fine della Seconda guerra mondiale 

Nell’ambito dell’Educazione Civica, la riflessione sull’art.2 della Costituzione impegna a dare voce e concretezza alla solidarietà umana, all’uguaglianza, ai principi di pari dignità dell’essere umano.

Dopo i saluti della presidente nazionale UCIIM, Rosalba Candela, sono intervenuti i rappresentanti delle tre religioni: Silvia Guetta, dell’Unione Comunità Ebraiche di Firenze, Ernesto Diaco dell’Ufficio nazionale per l’Educazione della Conferenza Episcopale Italiana e l’Imam Yahya  Pallavicini della Comunità religiosa musulmana.

In una convergenza di valori e di ideali le tre religioni con parole diverse considerano la pace un dono da custodire, difendere e coltivare. In risposta all’idolatria del potere si contrappone la cooperazione, la condivisione, l’agire sociale costruttivo, la valorizzazione delle diverse sensibilità nell’ottica della fraternità.

Ad una terza guerra mondiale a pezzi”, come ha detto Papa Francesco, con fatica si cerca di costruire a pezzi anche la pace che educa alla “fraternità”, alla “fratellanza”, “parola tremante nella notte, foglia appena nata”, come recita Ungaretti nella poesia “Fratelli”, una foglia verde che porta speranza, mentre la guerra evoca le immagini del soldato “si sta come d’autunno sull’albero le foglie”.

Dagli interventi dei parlamentari: Valentina Aprea, FI; Lucia Azzolina. M5S; Paola Frassinetti, FDI; Paolo Pittoni, Lega; Roberto Rampi, PD, è emersa una convergenza condivisa per la ricerca e l’affermazione della pace e le variegate scelte politiche in risposta alla questione degli armamenti evidenzia le scelte ideologiche dei partiti.

La convergenza nella ricerca comune dovrebbe smussare le contrapposizioni e aiutare la cittadinanza ad uscire dal tunnel della pandemia e allontanare l’ombra nera della guerra. 

La fedeltà all’art.11 della Costituzione “L’Italia ripudia la guerra” impegna tutti a costruire una reale rete di solidarietà. alla difesa della Patria, come sacro dovere del cittadino (art. 52)  e come ha detto la dott.ssa Lucrezia Stellacci, consulente giuridico UCIIM, è necessario conoscere e comprendere il diritto naturale e il diritto positivo che poggia sulle solide basi dei mattoni che i diversi trattati europei hanno sancito.

Anche l’Educazione Civica, introdotta da Aldo Moro (1916-1978) come disciplina scolastica il 13 giugno 1958, si pone “in continuità” ai trattati che istituirono la Comunità economica europea (CEE) e la Comunità europea dell’energia atomica (CEEA o Euratom) nel 1957, subito dopo il 36° convegno nazionale UCIIM celebrato al Castello Ursino di Catania dal 9 all’11 febbraio 1957 sul tema: “Il problema dell’educazione dei giovani alle virtù civiche e alla democrazia”.

Gli atti di quel convegno hanno dato poi origine all’Educazione Civica che con Legge 92/2019 è ritornata a scuola come disciplina trasversale e spazio privilegiato di educazione alla pace. 

Il giornalista Andrea Sarubbi, analizzando “la storia dell’oggi” ha evidenziato come alcune leggi parlamentari sono dettate da particolari contingenze ed onde emotive che segnano il cammino della storia e degli eventi, facendo perdere a volte il vero senso delle cose. La scuola che ha il compito non di trasmettere il già pensato, ma di “insegnare a pensare” fonda l’educazione alla pace sulla conoscenza, che diventa comprensione e quindi azione concreta di rispetto, solidarietà, cooperazione, cultura di rete, vera istituzione di “servizio pubblico”.

Le strategie educative e la variegata progettualità dell’educazione alla pace, adottando metodologie e tecniche specifiche hanno avuto visibilità e concretezza nella presentazione di alcune esperienze didattiche progettuali realizzate dagli alunni dell’Istituto comprensivo 17 Montorio di Verona, dell’Istituto comprensivo “Città dei bambini” di Mentana, del Polo tecnico scientifico Brutium di Cosenza e del Liceo Galileo Galilei di Palermo.

Attraverso la recitazione di brani e di poesie, l’esecuzione di canti, musiche, danze, gli studenti hanno celebrato la pace, interiorizzandone il concetto, il valore e lo spirito di pace che muove e guida lo sviluppo del pensiero in un concreto “senso civico” che rende ogni studente, cittadino attivo e responsabile.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments