Aborto negli Stati Uniti, secondo leader pro-life: “abbiamo ottenuto una vittoria ma la guerra è tutt’altro che finita”


di Angelica La Rosa

LA PRESIDENTE DEL THINK THANK STATUNITENSE “RUTH INSTITUTE” JENNIFER ROBACK MORSE COMMENTA LA STORICA DECISIONE DELLA CORTE FEDERALE SULLA SENTENZA ROE VS. WADE

Commentando la decisione della Corte Suprema che in qualche modo revoca le decisioni della sentenza Roe vs. Wade, la presidente del Ruth Institute Jennifer Roback Morse, ha detto: “Abbiamo ottenuto una vittoria importante, ma la guerra è tutt’altro che finita“.

“Mentre le forze pro-aborto non possono più fare affidamento sulla Roe per annullare le leggi statali, 12 stati e il Distretto di Columbia proteggono l’aborto, alcuni, come la California e New York, fino al momento della nascita. Ora, ci sarà un’enorme spinta per aumentare quel numero. Le forze pro-vita devono essere preparate a combattere a livello statale e davanti al tribunale dell’opinione pubblica”.

La dottoressa Morse ha osservato che sono passati 49 anni dalla sentenza Roe vs. Wade ma “alla fine abbiamo una maggioranza di giudici della Corte Suprema che capiscono che non c’è diritto all’aborto da nessuna parte nella Costituzione degli Stati Uniti. Comprensibilmente, le forze della Rivoluzione sessuale sono furiose e stanno ricorrendo alla violenza per proteggere la loro errata interpretazione della Costituzione“.

Secondo Morse si potrebbe dire che “stanno usando la violenza nelle strade per proteggere la violenza nel grembo materno. Promettono un’estate di rabbia. Li contrasteremo con un’estate di istruzione e attivismo. La falsa promessa della Rivoluzione sessuale è che a tutti è permesso fare tutto il sesso che vogliono e non accadrà mai niente di male. Nessuno dovrà mai affrontare responsabilità genitoriali indesiderate. Il bambino nel grembo materno è letteralmente ridotto a una non-persona. Vogliono l’aborto illimitato perché l’aborto è il piano di riserva nel caso in cui i contraccettivi fallissero. Ecco perché sono furiosi per qualsiasi limitazione all’aborto“.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments