Secondo un vescovo la “Chiesa” anglicana non ha una definizione ufficiale di donna


di Angelica La Rosa

IL COMMENTO GENDER FLUID E POLITICAMENTE CORRETTO DI ROBERT INNES È ARRIVATO NEL MEZZO DI UNA SESSIONE DEL SINODO GENERALE, L’ORGANO LEGISLATIVO DELLA “CHIESA” D’INGHILTERRA

Robert Innes, vescovo anglicano d’Europa (Gibilterra e area di influenza) ha assicurato che la “Chiesa” d’Inghilterra non ha una definizione ufficiale di donna perché a lungo si è ritenuto che tali definizioni fossero ovvie.

Il suo commento gender fluid e politicamente corretto è arrivato nel mezzo di una sessione del Sinodo Generale, l’organo legislativo della “Chiesa” d’Inghilterra, che si sta svolgendo in questi giorni a York.

Al sinodo è stato chiesto “Qual è la definizione di donna della Chiesa d’Inghilterra?”, a cui Innes ha risposto che “non esiste una definizione ufficiale, a dimostrazione del fatto che fino a tempi abbastanza recenti definizioni di questo tipo erano considerate auto-evidente, come si evince dalla liturgia matrimoniale”, ha riferito The Telegraph il 10 luglio.

Tuttavia, ha spiegato il vescovo, il progetto “Vivere nell’amore e nella fede” ha iniziato a “esplorare le complessità coniugali associate all’identità di genere e indica la necessità di maggiore attenzione e riflessione per comprendere i nostri punti in comune e le nostre differenze come persone. immagine di Dio”.

Vivere nell’amore e nella fede “fa parte del discernimento di una via da seguire per la Chiesa d’Inghilterra in relazione a questioni di identità, sessualità, relazioni e matrimonio”, secondo il suo sito web.

La Comunione anglicana, di cui fa parte la Chiesa d’Inghilterra, negli ultimi anni è stata interessata da molte divisioni emerse su questioni morali e sessuali.

Uno dei motivi scatenanti si è verificato nel 2018 quando la Chiesa d’Inghilterra ha pubblicato le linee guida pastorali per le liturgie relative alle transizioni di genere.

Queste liturgie hanno lo scopo di affermare e celebrare il cambiamento di una persona verso un’identità di genere scelta e di “riconoscere liturgicamente la transizione di genere di una persona”.

Le linee guida affermano che il battesimo è il “contesto liturgico naturale per riconoscere e celebrare l’identità [di una persona transgender] in Cristo e l’amore di Dio per lei” e incoraggiano i ministri ad accettare e utilizzare “la preferenza di una persona transgender per quanto riguarda il proprio nome e genere (o altro) pronomi” nel battesimo delle persone transessuali.

Ai membri battezzati della Chiesa d’Inghilterra dovrebbero essere offerti rituali appositamente adattati “per riconoscere liturgicamente la transizione di genere di una persona”, affermano le linee guida.

Le linee guida rilevano che la Chiesa d’Inghilterra “accoglie e incoraggia le affermazioni incondizionate delle persone trans” e afferma che i servizi per riconoscere la loro nuova identità dovrebbero essere “di natura celebrativa”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments