Ad Oxford gli anglicani introducono l’ambientalismo nelle cerimonie di battesimo e cresima


di Angelica La Rosa

COLORO CHE RICEVONO I SACRAMENTI DEL BATTESIMO E DELLA CRESIMA NELLA DIOCESI ANGLICANA DI OXFORD DOVRANNO D’ORA IN POI “IMPEGNARSI LITURGICAMENTE” ANCHE A PRENDERSI CURA DEL PIANETA…

La diocesi anglicana di Oxford ha discutibilmente introdotto l’ambientalismo nell’ambito delle cerimonie liturgiche del battesimo e della cresima dei suoi fedeli. D’ora in poi, infatti, i cristiani cresimati o battezzati nella diocesi anglicana di Oxford dovranno impegnarsi anche a proteggere l’ambiente con un impegno celebrato nella liturgia formale della propria confessione religiosa.

L’aggiunta alle cerimonie sacramentali anglicane ha il sostegno di monsignor Steven Croft, Vescovo di Oxford, e chiede ai battezzati o cresimati di “sforzarsi di salvaguardare l’integrità del creato, sostenere e rinnovare la vita della Terra“.

La mossa politically correct, la prima del genere nel Paese in Gran Bretagna, arriva in mezzo alla crescente preoccupazione per la presunta crisi climatica ed ecologica tra i leader religiosi.

All’inizio di quest’anno, più di 500 leader della chiesa anglicana hanno firmato una lettera al governo chiedendo che non vengano sfruttati nuovi combustibili fossili e negli ultimi anni gli attivisti cristiani sono stati in prima linea in molte proteste per il clima.

Steven Croft, che è un membro del comitato ristretto del Lord per l’ambiente e il cambiamento climatico, ha affermato che la chiesa ha un ruolo morale e spirituale chiave nell’affrontare l’emergenza climatica ed ecologica.

L’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi ci sta già sfuggendo“, ha affermato, e “la società ha un tempo limitato per agire, non dobbiamo avere dubbi che esiste una possibilità di cambiamento forte e profonda se agiamo ora“.

L’aggiunta alla liturgia arriva quando la diocesi anglicana di Oxford annuncia l’intenzione di spendere 10 milioni di sterline per migliorare l’efficienza energetica delle sue parrocchie, nel tentativo di raggiungere emissioni nette zero entro il 2035.

Quella di Oxford è una delle 10 diocesi anglicane che hanno disinvestito da società di combustibili fossili, impegnandosi a non investire in futuro in carbone, petrolio e gas.

A livello nazionale, la Chiesa d’Inghilterra è stata criticata per non aver agito abbastanza rapidamente per tagliare i suoi legami con le compagnie di combustibili fossili. Ha iniziato a tagliare i suoi legami con il carbone e altre industrie altamente inquinanti nel 2015, per poi impegnarsi nel 2018 a disinvestire entro il 2023 dalle società ad alta intensità di carbonio che “non erano allineate con gli obiettivi dell’accordo di Parigi“.

Ma con l’avvicinarsi della scadenza, l’istituzione ecclesiastica ha affermato che sta continuando a “impegnarsi” con interessi chiave del petrolio e del gas, piuttosto che cancellare tutte le sue partecipazioni.

L’attivista dell’associazione britannica Young Christian Climate Network Chris Manktelow ha detto a The Guardian che non è abbastanza: “la Chiesa dovrebbe agire rapidamente e mostrare la sua leadership morale, ma non lo sta facendo abbastanza rapidamente. Non siamo contenti di questa risposta [alle richieste di disinvestimento]”.

Inutile sottolineare che Greenpeace ha accolto con favore la decisione della diocesi di Oxford che, finalmente, ha dichiarato un portavoce dell’associazione ambientalista, “si sta allontanando dai combustibili fossili, il che è essenziale, ma con questo cambiamento liturgico va oltre, perché in una situazione di emergenza climatica e naturale si mettono le considerazioni ambientali al centro del progetto personale di vita fin dall’inizio“.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments