Quale arma, in mano ai fedeli, può essere più potente del Santo Rosario?

di Gian Piero Bonfanti

IL ROSARIO DEGLI UOMINI: UNA PREGHIERA VIGOROSA PER I FEDELI

Come ci ricordava il venerabile Fulton Sheen: “La nostra indifferenza verso la verità ha portato alla perdita della passione per la verità. Il risultato è che oggi ci sono pochissimi ideali per i quali un uomo morirebbe, o addirittura soffrirebbe un sacrificio. La nostra falsa apertura mentale, se solo la conoscessimo, nasce dalla nostra perdita di fede e di certezza. Quando dimentichiamo lo scopo della vita, perdiamo il dinamismo per raggiungerlo; quando perdiamo le certezze fondamentali della vita, perdiamo anche l’energia per lottare per esse.

In questi tempi travagliati, oggi più che mai, occorrono testimonianze di Fede. E’ necessario manifestare pubblicamente la nostra Fede, oggi più che mai messa in pericolo da una società anticristica. E quale arma in mano ai fedeli può essere più potente del Santo Rosario?

A chi crede che questa preghiera sia un’esclusiva nenia riservata a pie donne anziane, vi ricordiamo come nasce e si diffonde la preghiera più potente, e spesso sottovalutata, rivolta alla Madonna, la Madre di nostro Salvatore e Signore Gesù Cristo. Questa potente arma viene donata dalla Madonna a San Domenico, nel 1208, affinché egli potesse lottare contro gli eretici catari albigesi nel sud della Francia. Da allora il Santo Rosario è stato sempre utilizzato dai fedeli contro il male. Ad esempio, nel 1571, su sollecitazione del papa S. Pio V, i fedeli lo recitarono contro la flotta musulmana a Lepanto (il 7 ottobre, data in cui avvenne la vittoria cattolica, è stata dichiarata Festa del Santissimo Rosario).

La Chiesa non ha mai nascosto il carattere militante e vigoroso del Santo Rosario. Recitare pubblicamente il Santo Rosario non è solo un’ espressione di Fede, ma una vera e propria militanza contro il male. Il Rosario degli Uomini, che incomincia a dare realmente fastidio, costituisce una vera e propria arma (come la definiva padre Pio) nella battaglia contro le forze del male. Il Rosario degli uomini nasce in Polonia e presto si diffonde in tutto il mondo. Ora anche nella nostra amata Italia, uomini, in ginocchio, pregano il Santo Rosario sulle piazze rivolti alla Madonna. Affidandosi al Suo abbraccio materno questi uomini si schierano chiedendo di far cessare la crisi morale, culturale, e politica che ammorba la nostra società.

Una preghiera pubblica, potente, decisa e senza alcun timore, da recitare in mezzo al “mondo”, dove i passanti, spesso increduli, alle volte scherniscono ed altre invece si uniscono a questa dolce e potente preghiera. I Rosari degli uomini non sono iniziative discriminanti, come spesso si sente dire da qualcuno che si chiede: “perché solo per uomini?”. Il motivo è principalmente quello di riscoprire il carattere militante di questa poderosa preghiera, e farlo schierati pubblicamente rende una forte testimonianza, soprattutto se coloro che lo recitano sono una forte compagine vigorosa.

L’appuntamento è per Sabato 1 giugno a Roma alle ore 16.30 in Piazza S. Maria Maggiore e a Milano alle ore 17.00 alle Colonne di San Lorenzo Maggiore.

Nell’ invito degli organizzatori leggiamo: “Venite con noi a combattere con l’arma del soldato cristiano! Gli uomini veri sanno pregare; gli uomini veri combattono il male, gli uomini veri non mettono in discussione la Fede per compiacere il mondo, gli uomini veri difendono ciò che amano, gli uomini veri pregano per chi li odia, gli uomini veri sono come Cristo“.

Subscribe
Notificami
1 Commento
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

Rosario sessista?
Anche le donne sono invitate…