Emmanuele Di Leo: “è confortante l’impegno dell’Italia per salvare i cooperatori”


Siamo felici della liberazione di Silvia Romano, che oggi rientrerà in Italia dopo 17 mesi di prigionia. 
Rapita in Kenia da criminali locali, è stata successivamente trasferita in Somalia tenuta sotto controllo da un gruppo islamista legato a Al-Shabaab. 
Ieri è stata liberata grazie ad una operazione dell’AISE, organismo d’intelligence italiano. 

Quando un cooperante viene liberato dopo eventi così devastanti c’è solo da gioire poiché sono esperienze che segneranno l’intera vita di chi vi viene coinvolto. 
E’ pur vero che chi opera in determinati contesti, come noi di Steadfastonlus, è consapevole che esiste una percentuale di rischio rapimento o addirittura di decesso a causa delle condizioni a volte estreme in cui si opera, ma sapere che il Governo italiano tiene ed agisce a tutela dei suoi cittadini impegnati nella cooperazione internazionale è una sicurezza che conforta. 

Non conosciamo nel dettaglio le dinamiche di tutta la vicenda, quindi sviamo dalle critiche o dai ragionamenti delle tifoserie da social e con gioia diamo il nostro ben tornata a Silvia!

Emmanuele Di Leo

Informazione Cattolica

è, e sarà sempre, gratuita. Aiutaci, se puoi, aggiungendoti ai nostri social:

FACEBOOK. CLICCA QUI
TWITTER: CLICCA QUI
YOUTUBE. CLICCA QUI
INSTAGRAM: CLICCA QUI

***


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments